Angela Merkel spiata dai servizi americani? L’indiscrezione è stata data dai media internazionali dopo un’indagine di una tv danese.

BERLINO (GERMANIA) – Angela Merkel spiata dai servizi americani? Secondo un’indagine condotta da una tv danese e riportata dai media internazionali e dal Corriere della Sera, ci sarebbe anche la cancelliera tedesca tra le persone controllate per raccogliere informazioni. Nel mirino degli Stati Uniti e dei servizi danesi sarebbero finite anche altre personalità politiche tedesche, francesi e norvegesi.

Non c’è stato nessun commento ufficiale da parte dei diretti interessati e sono in corso tutti gli approfondimenti per capire se queste intercettazioni sono avvenute veramente o si è trattata di una notizia inventata.

L’attività di spionaggio

L’attività di spionaggio sarebbe stata condotta dai servizi americani e segreti dal 2012 al 2024. “La Nsa – si legge su Le Monde citato dal Corriere della Seraavrebbe sfruttato la partnership con la Danimarca per spiare i Paesi alleati, rendendo Copenaghen complice, almeno per ingenuità, delle velleità di sorveglianza del suo partner“.

Non c’è nessun commento da parte dei servizi americani e danesi. L’indiscrezione, come detto, è stata lanciata dalla televisione americana e nelle prossime settimane potrebbero esserci degli approfondimenti per verificare se si è trattata di una notizia vera oppure un qualcosa di mai realmente accaduto.

Angela Merkel
Angela Merkel

Angela Merkel in ‘silenzio’

Nessun commento anche da parte di Angela Merkel. La cancelliera tedesca ha preferito non commentare le ultime indiscrezioni, ma molto probabilmente Berlino è al lavoro per trovare una soluzione ed evitare uno scontro diplomatico su un qualcosa successo diversi anni fa.

Attività di spionaggio che, secondo le ultime indiscrezioni, sarebbe avvenuta tra il 2012 e il 2014 con una collaborazione tra Stati Uniti e Danimarca. Una vicenda che ha ancora diversi punti da chiarire e gli approfondimenti continueranno nelle prossime settimane per accertare le notizie e capire se le indiscrezioni sono vere.


Da John Elkann a Luigi Gubitosi, i 25 Cavalieri del Lavoro nominati dal presidente Mattarella

M5S, Di Battista all’attacco: “Fuori dal Governo, chi ha voluto entrarci si scusi”