Pd e M5s divisi a Bruxelles sul Mes. I grillini votano con Lega e FdI, Forza Italia con i democratici.

BRUXELLES (BELGIO) – Pd e M5s divisi a Bruxelles sul Mes. Nelle votazioni al Parlamento Europeo i due partiti hanno confermato visioni diverse su questo strumento con il premier Conte che nelle prossime settimane potrebbe essere chiamato a trovare un compromesso.

I grillini, infatti, hanno deciso di sostenere l’emendamento presentato da Lega e Fratelli d’Italia che chiedeva il respingimento dell’utilizzo del Mes finalizzato a stimolare l’economia. Proposta bocciata dalla maggioranza del Parlamento composta anche da Pd, Italia Viva e Forza Italia.

Via libera al Recovery Fund

Il Parlamento inoltre ha dato il via libera al Recovery Fund con 465 voti a favore, 150 contro e 67 astensioni. In questo caso si è diviso il Centrodestra: Lega e Fratelli d’Italia hanno deciso di astenersi mentre Forza Italia ha votato in favore con Pd e M5S.

Le conclusioni del Consiglio Europeo – si legge nel testo citato dal Corriere della Serarappresentano soltanto un accordo politico tra i Capi di Stato e il Parlamento non è disposto ad avallare formalmente una decisione già presa ed è pronto a non concedere l’approvazione al bilancio fino a quando non sarà raggiunto un accordo soddisfacente nei prossimi negoziati“.

Parlamento Europeo
Parlamento Europeo

No ai tagli

Il Parlamento ha bocciato i tagli decisi durante il Consiglio Europeo sui programmi orientati al futuro. La negoziazione è prevista da settembre con i leader che sono chiamati a trovare una soluzione per non rischiare di vedersi bocciare le loro proposte dall’esecutivo guidato dall’italiano Sassoli.

Una chiara posizione ribadita in più di un’occasione. Per il momento il via libera è arrivato anche se si tratta di un sì provvisorio in attesa di ulteriori confronti a livello europeo per cercare di trovare il giusto compromesso per affrontare questa crisi.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
economia evidenza Mes News politica recovery fund

ultimo aggiornamento: 24-07-2020


Scuola, i presidi: “Servono 2,5 milioni di banchi”

Salvini: “Il Governo spalanca i porti per prorogare lo stato di emergenza”