Il messaggio di Bernardo al Centrodestra a pochi giorni dalle elezioni a Milano: “Servono più fondi, oppure io mi ritiro”.

ROMA – Il messaggio di Bernardo al Centrodestra agitano gli ultimi giorni di campagna elettorale in vista delle elezioni a Milano. Il candidato a sindaco sostenuto da Lega, Fratelli d’Italia e Foza Italia ha chiesto un aiuto maggiore economico “altrimenti convoco una conferenza stampa e dirò che mi ritiro dalla tornata elettorale. E’ l’ultimo messaggio che vi lascio perché così non si può andare avanti […]“.

Green Pass obbligatorio, tutte le regole da rispettare

Bernardo: “Pronto a ritirarmi”

Il candidato a sindaco, riportato dall’Ansa, ha precisato che “se vedo versione diversa sul conto corrente e se non vedo sintonia completa e totale sulla campagna elettorale, io sono pronto a ritirarmi. Non è mia abitudine farlo, ma sono pronto a tornare a fare il mio lavoro che mi piace tanto […]”.

Bernardo ha confermato la sua intenzione di convocare “una conferenza stampa alle 10 di lunedì 20 settembre se non ho indicazioni diverse. Ma non telefonate o chiacchiere. Io vi voglio bene e vi stimo, ma ci sto mettendo la faccia e in questo mio mese e mezzo in politica sono stato colpito profondamente“. Un chiaro messaggio da parte del medico milanese. Ora tocca al Centrodestra rispondere per non rischiare di complicare il cammino anche a Milano dopo quello di Napoli con la bocciatura da parte del Consiglio di Stato della lista della Lega.

Milano
Milano

La replica del Centrodestra

Il Centrodestra, per ora, ha replicato all’appello di Bernardo con una nota firmata dai responsabili milanesi dei partiti. “La Lega Salvini Premier, Fratelli d’Italia, Forza Italia, la lista Luca Bernardo Sindaco, Maurizio Lupi Milano Popolare e il Partito Liberale Europeo confermano il massimo impegno a sostegno della candidatura di Luca Bernardo“. La coalizione, dunque, dovrebbe andare avanti, ma il candidato sindaco aspetta delle risposte concrete e non solo le parole.

ultimo aggiornamento: 18-09-2021


Google e Apple rimuovono le app di Navalny. Gli alleati: “Atto di censura politica”

Crisi dei sottomarini, tensione tra Francia e Usa, Parigi richiama l’ambasciatore: “Quanto successo peserà sul futuro della NATO”