Messico, esplosioni a catena in mercato fuochi d’artificio: 29 morti

Una tragedia di vaste proporzioni in Messico: 29 persone hanno perso la vita durante lo scoppio in un mercato di fuochi d’artificio a Tultepec.

chiudi

Caricamento Player...

Una serie di esplosioni a catena hanno fatto esplodere in Messico quello che era considerato il più grande mercato di fuochi d’artificio della nazione, San Pablito. Nella cittadina di Tultepec, a poca distanza da Città del Messico, il vasto mercato di fuochi pirotecnici, composto da 300 locali, è ora del tutto raso al suolo.

Al momento la causa delle esplosioni a catena non è stata resa nota ed è oggetto di indagini da parte delle autorità.

Morti e feriti

Nelle esplosioni a catena hanno perso la vita 29 persone, ma il bilancio è purtroppo destinato a salire, perché tra i feriti ce ne sono alcuni in gravissime condizioni. Nella tragica conta dei morti ci sono anche dei bambini. Il mercato era affollatissimo e 72 persone sono rimaste ferite in modo significativo.

Come un bombardamento

I testimoni e i media messicani hanno parlato di questa serie di esplosioni a catena come di un bombardamento. Del mercato non resta più nulla. Pesano sul cuore di tutti quei 29 morti, di cui 26 deceduti sul luogo dello scoppio e gli altri in ospedale, come rende noto Eruviel Avila, governatore dello Stato del Messico.

La situazione dei feriti è altrettanto delicata: ci sono diversi minorenni e tre bambini con ustioni gravissime sul 70% del corpo. Le autorità fanno sapere che ci sono 25 donne, tra i feriti. Oltre a morti e feriti, ci sono al momento anche decine di dispersi, sbalzati via dalla forza degli scoppi a catena.

UPDATE: il numero dei morti è salito a 36.

Foto tratta dal video