Paura a Mestre: altro bus elettrico si schianta contro un pilastro
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Paura a Mestre: altro bus elettrico si schianta contro un pilastro

incidente con bus distrutto

Si ripete la tragedia a Mestre: l’autobus è della stessa ditta di quello che precipitò dal cavalcavia il 3 ottobre scorso.

Un nuovo incidente avvenuto a Mestre, nella serata di ieri, sabato 14 ottobre. L’autobus di “La Linea”, la stessa compagnia a cui apparteneva quello che la scorsa settimana cadde dal cavalcavia, si è schiantato contro il pilastro di un condominio. La città continua ad avere paura.

Bonus 2024: tutte le agevolazioni

bus incidente

Un altro incidente a Mestre

Ma cosa sta succedendo? Sarà un malfunzionamento dei mezzi della società, o un problema delle infrastrutture di Mestre a causare le ultime tragedie? Dopo l’ultimo incidente avvenuto ieri sera, i dubbi si fanno ancora più fitti.

Secondo le prime informazioni, il conducente del mezzo avrebbe perso il controllo colto da un malore improvviso, attraversando la carreggiata. Il bus quindi ha deviato improvvisamente di corsia, finendo contro il pilone di un palazzo.

Il bilancio dei feriti

Restano feriti nell’incidente, oltre allo stesso autista, anche i 14 passeggeri a bordo del bus i quali avrebbero riportato contusioni lievi, oltre a uno stato di shock.

Sono state le autoambulanze a trasportare le persone ferite negli ospedali di Mestre, Mirano e Dolo, dove si trovano ancora ricoverati anche alcuni dei feriti dell’incidente del 3 ottobre.

Avm, la società di gestione delle tratte di trasporto urbano, comunica che da lunedì verrà sospesa in via cautelativa il servizio di tutti i bus de “La Linea”, sostituendoli con propri mezzi.

Gli ultimi dettagli sull’incidente dal cavalcavia

L’incidente di ieri arriva dopo poche settimane dalla tragedia che ha portato alla morte di 21 persone, dopo la caduta del bus dal cavalcavia di Mestre. Fino ad oggi, tra i tre indagati sul caso c’è anche l’amministratore delegato de “La Linea”.

Sebbene inizialmente si pensasse ad un malore improvviso del conducente, Alberto Rizzotto, le ultime indagini si sono focalizzate su nuove ipotesi che girano intorno alla frattura di un dito dell’uomo, emersa dall’esame autoptico. Questo potrebbe tradursi in un tentativo disperato dell’autista di sterzare e mantenere l’autobus in carreggiata.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 15 Ottobre 2023 10:45

Incidente a Mestre: appare il mistero del dito rotto dell’autista

nl pixel