Vauro torna all’attacco a “Mezzogiorno di Fuoco”: Non tutti nascono Einstein, qualcuno nasce Salvini. Ci vuole pazienza…

Dopo le polemiche sul selfie fatale e l’annuncio di Salvini che aveva fatto sapere di essere intenzionato a querelare Vauro per una sua vignetta particolarmente offensiva (a detta del Ministro ma non solo), il noto vignettista è tornato ad attaccare il leder della Lega attraverso un video tanto ironico quanto pungente.

Vauro su Salvini
Fotne foto: https://www.facebook.com/vaurosenesi/

Green Pass e Super Green Pass, tutte le regole dal 10 gennaio

Vauro attacca: Non tutti nascono Einstein, qualcuno purtroppo nasce Salvini, ci vuole pazienza…

“Non tutti nascono Einstein, qualcuno purtroppo nasce Salvini. Ci vuole pazienza. No credo che il ragazzone non si impegni, è che proprio non ce la fa […]. Il piccolo Matteo da bambino emetteva solo un sonoro rutto […], l’effetto collaterale del suo grande sforzo per imparare le vocali […]”.

“Quando dopo anni di studio è riuscito a sillabare la prima parola di senso compiuto, Ruspa, la maestra per premio lo nominò secondo vice-capoclasse. Divenne presto vice-capoclasse unico […], si mangiò l’altro vice-capoclasse dopo averlo spalmato di Nutella”.

Matteo Salvini
Fonte foto: https://www.facebook.com/salviniofficial

Vauro contro Salvini: Si esprime solo a gesti e con i selfie

“Incoraggiato dal successo scolastico, continuò a sillabare la parola Ruspa e continua tutt’ora, suscitando l’entusiasmo dei non nati Einstein che lo ammirano perché riesce a pronunciare una parola così difficile tutta d’un fiato, come un rutto […]. Si esprime solo a gesti, con i selfie. Selfie e pistola sono i mezzi di propaganda che usa di più, se li porta sempre dietro”.

Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per seguire News Mondo su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 10-03-2019


TAV, slittano i bandi ma Telt fa partire gli inviti

La drammatica rivelazione di Calderoli: Da sei anni combatto con un tumore