Micha van Hoecke è morto all’età di 77 anni. Il coreografo di fama mondiale era malato da tempo.

ROMA – Lutto nel mondo della danza. E’ morto all’età di 77 anni il coreografo di fama mondiale Micha van Hoecke. L’artista aveva 777 anni ed era malato da tempo. Come spiegato dalla moglie all’Adnkronos riportata da La Stampa, le sue condizioni erano peggiorate negli ultimi giorni tanto da essere ricoverato all’ospedale di Massa. Un quadro clinico troppo grave, con il decesso che è stato comunicato nella serata di sabato 7 agosto.

Una scomparsa che lascia un vuoto incolmabile nel mondo della danza e sicuramente nelle prossime settimane gli amici e la moglie di van Hoeck, la ballerina giapponese Miki Matsuse, potrebbero organizzare un evento per ricordare il grande coreografo.

Chi era Micha van Hoecke

Nato a Bruxelles nel 1944, Micha van Hoecke ha iniziato a lavorare come coreografo in Belgio prima di trasferirsi in Italia, ormai diventata la sua seconda casa. Negli ultimi anni ha ricoperto il ruolo di direttore del corpo di ballo del Teatro dell’Opera di Roma e del Teatro Massimo di Palermo.

In passato l’artista ha collaborato anche con Cristina Muti al Festival di Ravenna, oltre che per anni ha realizzato le coreografie anche per il Teatro La Scala di Milano. Una vera e propria icona nel mondo della danza e la notizia della scomparsa è stata accolta con molta tristezza da tutti i suoi fan.

Green Pass, tutte le regole dal 1 settembre

Ambulanza
Ambulanza

Micha van Hoeck morto

Qualche mese fa i medici hanno diagnosticato al coreografo un tumore. Condizioni peggiorate nelle ultime settimane, con i dottori che hanno deciso un ricovero per effettuare tutti i controlli del caso. Il quadro clinico, però, era molto grave e il decesso è stato annunciato dalla moglie nella serata di sabato 7 agosto 2021. Una scomparsa che ha lasciato un vuoto incolmabile nel mondo della danza mondiale.


Coronavirus, indagine dell’intelligence americana sui segreti di Wuhan

8 agosto 1991, la nave Vlora sbarca a Bari con ventimila albanesi a bordo