Mick Schumacher e Nikita Mazepin con la Haas nel 2022. Per il tedesco un nuovo anno di crescita in attesa della Ferrari.

SOCHI (RUSSIA) – Mick Schumacher e Nikita Mazepin con la Haas anche nel 2022. Il team ha deciso, nonostante dei risultati non proprio eccellenti soprattutto del russo, di confermare entrambi i piloti per una stagione che si preannuncia molto importante per l’intera scuderia.

Un nuovo anno di crescita, invece, per il tedesco. Schumi jr. proverà a continuare il percorso di crescita con l’obiettivo che resta quello di arrivare in poco tempo in Ferrari.

Schumi jr: “La squadra sta diventando più forte”

Schumi jr., riportato da La Repubblica, si è detto molto contento di correre ancora una volta con la Haas. “Nuove regole tecniche – ha sottolineato il tedesco – l’impressionante ambizione dell’intero team e il supporto della Ferrari: tutti fattori che ci avvicineranno ai nostri avversari nella prossima stagione. Non vedo l’ora di scendere in pista con la squadra che sta diventando sempre più forte e io farò di tutto per portare il più avanti possibile la scuderia. Voglio ringraziare anche Maranello per la fiducia che continua a darmi e per il supporto che mi ha dato in questi ultimi anni […]. Il primo anno è stato sicuramente emozionante e istruttivo e l’esperienza acquisita la porterò anche nel prossimo campionato“.

Mick Schumacher
Mick Schumacher

Mazepin: “Sono certo che arriveremo molto più forti”

Anche per Mazepin il prossimo sarà un anno decisivo. Il russo in questa stagione ha fatto qualche errore di troppo, ma la scuderia gli ha confermato la fiducia ed ora tocca a lui ricambiarla in pista. “Sono molto emozionato se penso alla prossima stagione – ha detto il russo – avremo a disposizione una nuova auto e soprattutto la grande opportunità di crescere insieme. Sono certo che arriveremo al primo appuntamento del Mondiale ancora più forti“.

ultimo aggiornamento: 23-09-2021


Il decreto Green Pass bis è legge. Dalla durata della certificazione alla scuola passando per le funivie: tutte le novità

Formula 1, Leclerc: “Non aspettiamoci di lottare per il podio in Russia”