F1, Mick Schumacher in Haas dal 2021. Le prime parole del giovane pilota tedesco: “Per me è come coronare un sogno, ho sempre creduto che ci sarei riuscito”.

Mick Schumacher alla Haas nel 2021. La scuderia statunitense ha ufficializzato l’accordo con il figlio d’arte più seguito del mondo dei motori.

Di seguito il tweet condiviso sul profilo ufficiale della Haas.

F1, Mick Schumacher alla Haas nel 2021

L’approdo di Mick Schumacher in Formula 1 era nell’aria ormai da mesi e ha iniziato a preso forma alla luce degli ottimi risultati conseguiti nel corso di questa stagione in F2, che lo vede ad un passo dal titolo mondiale con campionato ormai alle battute finali.

Haas
fonte foto https://www.facebook.com/haasf1team

Mick Schumacher, “Sono senza parole”

Sono senza parole, il pensiero di correre in F1 nella prossima stagione mi rende estremamente felice. Voglio ringraziare la Haas, la Ferrari e la Ferrari Driver Academy per aver riposto la loro fiducia in me. Non posso ovviamente dimenticare di ringraziare i miei parenti, devo loro tutto. Per me è come coronare un sogno, ho sempre creduto che ci sarei riuscito. Ringrazio anche tutti gli appassionati che mi hanno sostenuto nel corso della mia carriera. Darò tutto come sempre e non vedo l’ora di iniziare il mio viaggio in F1 insieme alla Haas“, sono state le prime parole di Mick Schumacher.

L’approdo in Formula 1: primo passo verso la Ferrari?

Mick Schumacher arriva quindi in Formula 1 e lo fa da protagonista, dopo gli ottimi risultati ottenuti in F3 e poi in F2. Il giovane pilota – 21 anni – resta comunque nell’orbita della Ferrari Driver Academy ed evidentemente molti considerano la prima esperienza in Haas come il primo passo verso l’approdo al volante della Rossa, che per molti appare scontato anche per il suo talento. A Maranello hanno deciso di scommettere sul tedesco, che ha dimostrato di avere qualità non indifferenti.


Benzinai in sciopero dal 14 al 17 dicembre, le associazioni: “Siamo stati esclusi dai ristori”

La prima intervista di Grosjean dopo l’incidente: “Ho visto la morte in faccia”