Inizia dal Bahrain la settimana di Mick Schumacher. Il figlio di Michael farà il suo esordio in Formula 2 prima di salire a bordo della Ferrari SF90 per i test.

Mick Schumacher si prepara alla sua settimana. Il figlio del campione e idolo della Formula 1 si appresta a due appuntamenti fondamentali per la sua carriera. L’esordio in Formula 2 e i suoi primi giri – per un test – a bordo di una macchina da Formula 1. Anzi, La macchina di Formula 1, ossia la Ferrari, la macchina con cui il padre Michael ha scritto alcune delle pagine più belle della storia dei motori.

Formula 2, la carica di Mick Schumacher in vista dell’esordio in Bahrain

E Mick Schumacher non sembra per niente spaventato dalla doppia prova che dovrà affrontare nel giro di pochi giorni.

Mick Schumacher
Fonte foto: https://www.facebook.com/mickschumacherofficial

Non sono spaventato da tutto questo, sono pronto e fiducioso. Mia mamma è contenta ma non sarei qui senza l’ispirazione data da mio padre“, ha dichiarato Mick Schumacher nella conferenza stampa alla vigilia del week end di Formula 2.

Il giovane pilota avrà gli occhi degli appassionati puntati addosso nella sua prima apparizione nel mondo dei grandi, l’androne che porta i piloti più talentuosi al magico mondo della Formula 1.

Inutile negare come anche in casa Ferrari si guardi con un certo interesse al figlio d’arte nella speranza che possa presto fare il suo esordio in Formula 1

La prima volta di Mick Schumacher in Ferrari in occasione dei test in Bahrain

Ma per Mick Scumacher non ci sarà neanche il tempo di smaltire l’adrenalina del suo esordio in Formula 2. È stato fissato per martedì infatti il suo esordio a bordo della SF90 in occasione dei test che si svolgeranno proprio sulla pista del Bahrain, dove gareggerà con la Formula 2.

E l’idea di salire a bordo della Rossa non lascia indifferente Schumi jr: “Quando me l’hanno detto ero euforico. Mi sono preparato al simulatore. Sono felice, ma l’attenzione adesso è soprattutto per l’esordio in Formula 2“.


MotoGP, l’analisi del circuito di Termas de Rio Hondo

Formula 1, l’analisi del circuito di Sakhir