Migranti: cresce la tensioni al vertice dei leader Europei
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Migranti: cresce la tensioni al vertice dei leader Europei

campo profughi con migranti

Polonia e Ungheria avanzano richieste in vista dell’incontro di Granada: la migrazione diventa un problema sempre più urgente per i leader dell’UE.

Le tensioni con Polonia e Ungheria relative ai flussi migratori stanno complicando gli sforzi dei leader dell’Unione Europea per concordare una dichiarazione congiunta dopo un vertice a Granada, in Spagna.

Come fare soldi con le criptovalute e guadagnare?

In un incontro degli ambasciatori dell’UE mercoledì, Polonia e Ungheria hanno ribadito una richiesta che una dichiarazione di Granada sull’agenda strategica dell’UE prevista per venerdì dovrebbe aggiungere riferimenti alle precedenti conclusioni dei leader, affermando che le questioni migratorie dovrebbero essere risolte per consenso, secondo persone a conoscenza della questione.

Un ostacolo all’unità

Questa richiesta rischia di impedire ai leader dell’UE di approvare all’unanimità una dichiarazione finale come è accaduto durante un vertice all’inizio di quest’anno, hanno detto le persone che hanno chiesto di non essere nominate nelle discussioni confidenziali. Ciò rovinerebbe i tentativi dei leader di mettere in scena una dimostrazione pubblica di unità al loro raduno. Le elezioni polacche potrebbero essere un fattore che alimenta il disaccordo, ha aggiunto una delle persone.

migranti gommone mare
migranti gommone mare

Arrivi via mare e terra

La migrazione è una questione sempre più urgente e controversa per i leader dell’UE in riunione, con alcuni paesi che adottano misure unilaterali per rafforzare i controlli mentre sempre più persone, in particolare dal Medio Oriente e dall’Africa, fuggono dalla violenza e dalla povertà nei loro paesi per cercare vite migliori in Europa.

La Polonia spera che i membri dell’UE rispetteranno le decisioni prese nei vertici precedenti e che ciò non scatenerà controversie, secondo un funzionario polacco.

L’italia e la sfida della migrazione

L’Italia ha approvato delle regole il mese scorso per estendere il tempo in cui gli ingressi non documentati possono essere detenuti a un massimo dell’UE di 18 mesi, a seguito di un aumento del numero di barche che trasportano persone dal Nord Africa che sommergono l’isola di Lampedusa, da tempo un punto caldo per le crisi periodiche dell’Europa. La migrazione rimane una sfida anche per la Grecia.

Accordi e disaccordi

Separatamente, i diplomatici dell’UE hanno raggiunto un accordo all’inizio di questa settimana su come affrontare le crisi dell’immigrazione dopo anni di tentativi falliti. Ai paesi che affrontano aumenti dei cittadini di terzi paesi che attraversano i loro confini sarebbe consentita maggiore flessibilità su come gestire gli arrivi. Polonia e Ungheria sono stati gli unici paesi che hanno votato contro l’accordo, mentre alcuni altri paesi si sono astenuti.

La Presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen ha presentato un piano d’azione di 10 punti che include il supporto per la gestione dell’arrivo e del trasferimento dei migranti, nonché l’arresto dei trafficanti rafforzando la sorveglianza aerea e marittima.

Controlli alle frontiere

La Slovacchia ha dichiarato mercoledì che imporrà controlli casuali al suo confine con l’Ungheria nel tentativo di prevenire l’ingresso di migranti non documentati nel paese. La decisione arriva dopo che la Germania la scorsa settimana ha rafforzato i controlli al suo confine orientale con la Polonia e la Repubblica Ceca. Le autorità di Praga e Varsavia hanno risposto introducendo controlli casuali ai valichi di frontiera con la Slovacchia.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 11 Marzo 2024 17:15

Addio ai vecchi condizionatori: l’80% è da sostituire

nl pixel