Migranti, Luigi Di Maio: “Daremo una lezione all’Europa”

Migranti, Luigi Di Maio: “Quando si tratta di donne e bambini siamo pronti a dare una lezione all’Europa”. Salvini: “Io non cambio idea”.

Prosegue il contrasto tra Matteo Salvini e Luigi Di Maio, divisi sulla gestione dei migranti. Se il vicepremier leghista continua a opporsi fermamente all’idea di far sbarcare i migranti nel nostro paese, il collega pentastellato continua a spingere, spalleggiato dal premier Giuseppe Conte, per far arrivare in territorio italiano almeno le donne e i bambini.

Migranti, Luigi Di Maio: “Non arretriamo sulla politica migratoria ma quando si tratta di donne e bambini siamo pronti a dare una lezione a tutta l’Europa”.

Non arretriamo sulla politica migratoria, che ha permesso di ridurre in modo considerevole gli sbarchi, ma quando si tratta di donne e bambini siamo pronti a dare una lezione a tutta l’Europa e ad accoglierli“, ha dichiarato Luigi Di Maio, arrivato a Novi Ligure per incontrare i lavoratori della Pernigotti.

Il vicepremier pentastellato ha poi puntato il dito contro il governo maltese: “Ci sono donne e bambini da 14 giorni a un miglio dalla costa maltese la Ue mette la testa sotto la sabbia, Malta non fa il suo dovere: è una cosa ignobile“.

Luigi Di Maio
Luigi Di Maio

Salvini: io non cambio idea

Il suggerimento di Luigi Di Maio non sembra però trovare terreno fertile dalle parti di Matteo Salvini, il quale ha ribadito di non voler fare nessun passo indietro. Il vicepremier leghista ha ricordato come negli anni passati l’Italia abbia aperto i porti e il portafoglio facendo anche più di quanto avrebbe dovuto. Stando al leader del Carroccio adesso sarebbe il turno degli altri paesi europei.

Malta punta il dito contro l’Italia

Ma Malta, come spesso accaduto dalla scorsa estate, ha girato le accuse al governo italiano affermando che le navi delle Ong sarebbero arrivate in acque maltesi dopo essere state respinte dalle autorità italiane.

ultimo aggiornamento: 05-01-2019

X