Migranti in difficoltà al largo della Libia. Alarm Phone: “Salvateli, il gommone si sta sgonfiando”.

ROMA – Migranti in difficoltà al largo della Libia. L’allarme è stato lanciato da Alarm Phone dopo la segnalazione arrivata da Sea Watch. Secondo le prime indicazioni date e riportate da La Repubblica, il gommone con 120 profughi a bordo sarebbe in avaria con uno dei tubolari che si starebbe sgonfiando.

A bordo dell’imbarcazione anche 24 minori con tutti i migranti che sono senza giubbotto di salvataggio. Le autorità maltesi sono state avvisate anche se fino a questo momento nessuno è andato a soccorrere i migranti in difficoltà.

Gli sbarchi in Italia non si fermano

Le partenze dalla Libia e gli sbarchi in Italia non si fermano. Il porto di Lampedusa negli ultimi giorni è stato protagonista di diversi arrivi con l’hotspot dell’isola che è ritornato ad essere affollato.

Un’emergenza che sembra essere senza fine nonostante le rassicurazioni da parte della ministra Lamorgese che proprio nelle ore scorse è andata a Lampedusa per fare il punto con le autorità locali. Le temperature miti e il bel tempo facilitano le partenze con il Governo chiamato a trovare una soluzione per consentire all’hotspot dell’isola di ospitare le persone secondo la capienza della struttura.

Migranti
archivio Image / Cronaca / migranti / foto Imago/Image

Test sierologici e quarantena

Test sierologici e quarantena. E’ questo il piano del Governo per cercare di contrastare l’emergenza dei migranti. Gli sbarchi continuano nel nostro Paese con Lampedusa che continua ad essere la meta preferita dei migranti.

L’arrivo dell’estate ha aumentato le partenze dalla Libia con l’isola che chiede un aiuto da parte di Roma per poter contrastare l’emergenza. Il bando per le navi quarantena è andato deserto con la ministra Lamorgese che ha pensato a test sierologici e isolamento in strutture destinate ad ospitare solo i profughi che arrivano via mare.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
alarm phone cronaca lampedusa migranti

ultimo aggiornamento: 21-07-2020


Coronavirus, l’assessore D’Amato pensa alle mascherine obbligatorie nel Lazio. Frena Zingaretti

Botte ai detenuti, indagato il direttore del carcere di Torino