Nuovo naufragio al largo delle coste della Libia, 120 migranti in difficoltà in alto mare. Alarm Phone denuncia: Nessuna risposta da Italia e Libia.

Migranti, naufragio al largo delle coste della Libia. Stando a quanto riferito da Alarm Phone, un’imbarcazione con centoventi persone a bordi sarebbe in avaria in mezzo al mare al largo delle coste libiche. Il servizio per il soccorso in mare ha fatto sapere di aver allertato l’Italia e la Libia ma di non aver ricevuto alcuna risposta per ore.

Migranti
Fonte foto: https://www.facebook.com/Mediterranearescue/

Green Pass obbligatorio, tutte le regole da rispettare

Migranti, nuovo naufragio al largo della Libia

Alarm Phone ha fatto sapere di aver ricevuto una richiesta di soccorso da un’imbarcazione partita dalla Libia e che sarebbe alla deriva in alto mare proprio al largo delle coste libiche. A bordo ci sarebbero centoventi persone tra cui quindici donne e sei minori.

Di seguito il messaggio condiviso da Alarm Phone:

“L’Alarm Phone è stato contattato da un’imbarcazione partita dalla Libia stanotte. A bordo ci sono circa 120 persone, incluse 15 donne e 6 bambini. Il motore è in avaria e varie persone stanno male. Urge salvataggio immediato!”.

Migranti
fonte foto https://twitter.com/PVolontaires

La denuncia di Alarm Phone: Italia e Libia non rispondono alla richiesta di soccorso

Con una nota condivisa sulla propria pagina Twitter, Alarm Phone ha fatto sapere di aver girato la richiesta di soccorso alle autorità libiche e a quelle italiane senza ricevere risposta.

“Abbiamo informato le autorità italiane e la cosiddetta Guardia costiera libica, dato che l’Europa ha costantemente fallito nel rispondere a situazioni di pericolo in questa zona del Mediterraneo. La Guardia Costiera libica ha ricevuto le nostre informazioni ma non reagisce dalle 14.10”.

Di seguito uno dei tweet condivisi da Alarm Phone per informare del nuovo naufragio.

ultimo aggiornamento: 21-06-2019


La ONG Lifeline provoca Salvini: barca chiamata Matteo S. (FOTO)

Asse de Magistris-Papa Francesco in difesa dei migranti: il Mediterraneo non sia un cimitero