59 migranti salvati dalla Ocean Viking in acque libiche. La ONG ha a bordo 151 persone ed è in attesa di un porto sicuro per farli sbarcare.

ROMA – 59 migranti salvati dalla Ocean Viking in acque libiche. Le operazioni, iniziate nella notte tra il 24 e il 25 gennaio 2020, si sono conclusi nelle prime ore di sabato.

La notizia è stata confermata da Alarm Phone in un tweet: “Durante la notte abbiamo ricevuto una chiamata di 59 persone in difficoltà su una barca di legno, in fuga dall’inferno della Libia. Abbiamo informato le autorità. L’equipaggio di Ocean Viking ha salvato i migranti stamani all’alba“.

Migranti, Ocean Viking in attesa di un porto sicuro

Dopo il salvataggio la Ocean Viking ha ripreso le sue attività di monitoraggio. Fino a questo momento sono stati portati a bordo della Ong 151 migranti con il numero destinato a salire se non ci sarà l’autorizzazione da parte di uno Stato per consentire lo sbarco.

L’imbarcazione ha chiesto un porto un sicuro ma fino a questo momento nessuna risposta. Roma e La Valletta aspettano la risposta dell’Unione Europea per una ricollocazione immediata dei migranti. Fino a quando non ci sarà l’accordo, il via libera non arriverà. Il Viminale spera di chiudere il prima possibile l’ennesimo sbarco per garantire la massima sicurezza alle persone sulla barca.

Ocean Viking
fonte foto https://twitter.com/SOSMedFrance

Migranti, non si fermano gli sbarchi

Non si fermano gli sbarchi. Nonostante le condizioni meteo non perfette, le partenze dalla Libia proseguono senza sosta. L’Italia continua ad essere l’approdo preferito anche se la Spagna e la Grecia contendono questo ‘primato’ al nostro Paese.

‘Viaggi della speranza’ che mettono a rischio la vita di molte persone con diversi migranti che si vedono costretti a chiamare aiuto per problemi all’imbarcazione. E in questo senso il lavoro delle Ong è fondamentale per salvare i profughi in difficoltà.

fonte foto copertina https://twitter.com/SOSMedFrance


Tik Tok, l’allarme del Garante per la Privacy: “Task force europea contro i rischi del social cinese”

Beppe Grillo annulla il suo tour per apnee notturne: “Mi dovrò operare”