Il ministro dell’Interno Matteo Salvini chiude i porti alla Mare Jonio dell’Ong Mediterranea: Questa non è stata un’operazione di salvataggio, questa è la nave dei centri sociali.

Intervenuto ai microfoni di Sky TG 24, il ministro dell’Interno Matteo Salvini ha parlato della nave Mare Jonio dell’Ong Mediterranea ribadendo che per gli alleati degli scafisti i porti italiani resteranno chiusi.

Migranti, Matteo Salvini sulla Mare Jonio: Questo non è stata un’operazione di salvataggio

“Questa non è stata un’operazione di salvataggio. Questo è favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. O c’è l’autorità giudiziaria, che prescinde da me, che riterrà che questo non sia stato un soccorso, perché mi sembra evidente in base agli elementi certi e ad altri che sono oggetto di approfondimento che […] c’è un’organizzazione che gestisce, aiuta e supporta il traffico di esseri umani“.

Matteo Salvini
Fonte foto: https://www.facebook.com/salviniofficial

Salvini sulla Mare Jonio: Questa è la nave dei centri sociali

Salvini ha poi criticato il capo missione della Mare Jonio, quel Luca Casarini già leader dei Centri sociali e con precedenti penali.

“Questa è la nave dei centri sociali, perché a nome della nave sta parlando Luca Casarini: vedete i precedenti penali del signore che era noto per essere leader dei centri sociali del nord est, con precedenti penali vari”.

“Ci sono altri esponenti di sinistra e ultrasinistra, che stanno a mio parere commettendo un reato di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina perché hanno raccolto questi migranti in acque libiche quando stava intervento una motovedetta libica, non hanno obbedito a nessuna indicazione, hanno autonomamente deciso di dirigere verso l’Italia per motivi evidentemente ed esclusivamente politici, non hanno osservato le indicazioni delle autorità, se ne sono fregati dell’alt della Guardia di finanza“.

Mediterraneo Mare Jonio
fonte foto https://twitter.com/Mediterranearescue/

Migranti, Matteo Salvini: Se uno raccoglie cinquanta persone nelle acque di un paese straniero è più vicino al paese straniero. La vita umana è sacra ma gli italiani per fessi non ci passano.

“Se uno raccoglie cinquanta persone nelle acque di un paese straniero, è più vicino al paese straniero. Se qualcun altro fa altre scelte lo vedremo, io dico di no. Diamo da mangiare, da bere, li curiamo li salviamo è lì vestiamo perché la vita umana è sacra però gli italiani per fessi non ci passano”.


Pd il discorso di Nicola Zingaretti: dice tanti ‘non’, manca la parola ‘Sinistra’

Il premier Conte: Italia-Cina accordo non vincolante. Su migranti no a strumentalizzazioni