Milan, l’agente di Bacca ribadisce: “Carlos ha detto la verità”

Il manager di Bacca ha voluto chiarire il senso delle dichiarazioni del centravanti colombiano: “È stato mal interpretato”.

chiudi

Caricamento Player...

“Ho giocato nel peggior Milan della storia”. Le ultime dichiarazioni (al veleno?) di Carlos Bacca hanno fatto scalpore non tanto per i contenuti (probabilmente condivisibili) quanto per la forma, così diretta e senza giri di parole. A chiarire il senso delle parole del 31enne colombiano ci ha pensato il suo agente, Sergio Barila. Ecco le sue parole ai microfoni di Tuttomercatoweb.com: “È stato mal interpretato. Si è voluta creare una polemica per niente. Carlos non ha detto di aver giocato nel peggior Milan della storia in assoluto. Lui in rossonero è stato benissimo e deve molto al club”.

Carlos Bacca: “Ho giocato nel peggior Milan della storia”

Insomma, solo un malinteso, o meglio, un (voluto?) fraintendimento. “Bacca sognava fin da bambino di giocare nel Milan – ha aggiunto il suo manager – sarebbe assurdo se ora se ne uscisse con queste critiche. Ha rifiutato offerte economicamente molto allettanti per sposare la causa rossonera. Non è giusto che si voglia creare una cattiva immagine di lui. Nessuno si può lamentare di ciò che Bacca ha fatto al Milan, ancora oggi è molto legato al club e a tanti ex compagni di squadra. Questa cattiveria è stata una vera mancanza di rispetto nei suoi confronti. Carlos augura il meglio al Milan per il presente e per il futuro”.

Tuttavia, le esternazioni restano. In fondo, Bacca non ha poi tutti i torti: “È indubbio il fatto che le ultime due stagioni non siano state le migliori del Milan – ha osservato Barila – nessuno può prendersela se si descrive semplicemente la realtà. Negli ultimi anni il Milan non ha vinto né in Italia né in Europa, qualcuno può dire il contrario? Perché sono stati fatti così tanti cambiamenti nella rosa? Bisogna analizzare bene il contesto prima di parlare, ma ripeto, le dichiarazioni di Bacca sono state mal interpretate. Non ha detto questo letteralmente e non voleva certo offendere il Milan”.