Nella stagione 1998/99 il campionato dei rossoneri inizia con Milan-Bologna. Gli uomini di Zaccheroni stendono 3-0 gli emiliani grazie alla doppietta di Bierhoff e al gol di Leonardo.

Il Milan del 1998 è reduce da due annate decisamente negative dopo un decennio di grandi successi: i ritorni in panchina di Sacchi e Capello non sortiscono gli effetti sperati e così la società di via Turati decide di rilanciarsi affidandosi a Alberto Zaccheroni, tecnico artefice del grande campionato dell’Udinese. Dal “Friuli” insieme all’allenatore emiliano arrivano a Milanello il bomber tedesco Bierhoff e il laterale destro Helveg. Oltre ai due ex bianconeri, arrivano dal mercato N’Gotty, Ayala, Sala, Guly e dai prestiti Abbiati e Ambrosini.

Nuovo modulo

Zaccheroni, dopo un decennio di 4-4-2, decide di apportare un cambiamento tattico profondo, schierando il Milan con il 3-4-3, al fine di esaltare le caratteristiche del centravanti della Germania. Ai lati del tedesco giocano Weah e uno tra Ganz e Leonardo, mentre Boban viene utilizzato come centrale di centrocampo.

Milan-Bologna all’esordio

Il campionato 1998/99 inizia il 12 settembre con l’anticipo serale Milan-Bologna. San Siro registra cinquantamila presenze. Zaccheroni schiera Lehmann, N’Gotty, Ayala, Maldini, Helveg, Albertini, Boban, Ba, Ganz, Bierhoff e Weah. Gli uomini di Mazzone non stanno però a guardare e Kolyvanov impegna il portiere rossonero. Albertini va alla conclusione ma il pallone termina sul fondo, lo stesso per il sinistro di Signori. Quando l’intervallo è alle viste, Weah inventa lo smarcamento per Ba che va al cross dalla destra: in mezzo all’area si erge Bierhoff che batte Antonioli di testa. I rossoneri sbloccano il match e al rientro dagli spogliatoi il tedesco va giù in area di rigore e l’arbitro decreta il rigore che lo stesso Bierhoff trasforma. Nel finale, il Bologna colpisce una traversa e sul ribaltamento di fronte Bierhoff lancia Leonardo che con un sinistro morbido insacca il pallone del 3-0.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione


Champions League, le probabili formazioni di Feyenoord-Napoli

Gattuso, le differenze con Montella. Ora si spera anche nei risultati…