Milan, che succede a Calhanoglu? I numeri della sua crisi

Milan, che succede a Calhanoglu? I numeri della sua crisi

Nel difficile inizio d’anno del Milan spiccano le difficoltà di Calhanoglu. Il turco, lo scorso anno tra i leader della squadra, non è ancora riuscito ad incidere

L’asse Higuain-Calhanoglu, prima dell’inizio di stagione, era valutato dagli addetti ai lavori come una delle armi più temibili del Milan 2018/2019. Il calciatore turco, grazie alle sue grandi abilità balistiche e alla sua propensione come uomo-assist, sembrava realmente la spalla migliore per mandare in rete il Pipita. Finora, così non è stato: la crisi di Calhanoglu è l’emblema delle difficoltà attuali dei rossoneri.

Calhanoglu in Serie A: 0 reti, 0 assist

Il centrocampista classe 1994, lo scorso anno, aveva incantato la platea rossonera, nonostante un avvio complicato. Se Montella non era riuscito a trovargli un’esatta collocazione in campo, con Gattuso era arrivata la completa consacrazione. I numeri parlavano chiaro: a partire dalla diciannovesima giornata di campionato, l’ex giocatore del Bayer Leverkusen aveva messo a segno cinque reti e sei assist. Statistiche decisive per blindare la qualificazione in Europa League del Diavolo.

In questo primo scorcio di stagione, invece, i suoi progressi sembrano essere scomparsi. Nessun assist per Higuain, sinora: anche la casella gol è tristemente ferma a quota zero. Una involuzione preoccupante, frutto forse di una condizione fisica che ancora stenta a decollare.

Hakan Çalhanoglu
Hakan Çalhanoglu (fonte foto https://www.facebook.com/ACMilan/)

La rinascita del Milan passa da Calhanoglu

Gennaro Gattuso, però, non può fare a meno di lui nel suo 4-3-3. Se Suso è indispensabile per i suoi strappi e cambi di velocità, il numero 10 del Milan è uno dei pochi in rosa ad avere capacità balistiche e visione di gioco fuori dal comune. L’intesa con Higuain è, chiaramente, ancora da affinare: nonostante questo, la ripresa in campionato dei rossoneri non può trascendere da un ritorno ad altissimi livelli del talento turco.

Sabato 30 settembre, contro il Sassuolo, il Pipita non dovrebbe partire titolare a causa dei noti guai muscolari. Calhanoglu, però, dovrebbe essere comunque schierato nell’undici titolare da Gattuso. Una chance da non sprecare per riprendersi in mano il Milan.

 

ultimo aggiornamento: 28-09-2018

X