Secondo il quotidiano Repubblica, Cristiano Ronaldo era nel mirino del club rossonero. Fassone e Mirabelli avevano pianificato l’operazione ma poi tutto è naufragato a causa dei problemi di Yonghong Li.

Il Milan e Cristiano Ronaldo, un connubio incredibile tra il club rossonero e l’asso portoghese che era passato per la mente dell’ormai ex dirigenza di via Aldo Rossi.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Il retroscena

Secondo il quotidiano Repubblica, il duo Fassone-Mirabelli aveva ideato l’assalto a CR7 nello scorso inverno, provando a “approfittare” dei rapporti deteriorati tra Cristiano Ronaldo e Florentino Perez, patron del Real Madrid. L’ex ad e l’ex ds erano pronti a piazzare il clamoroso ingaggio grazie alla sponda di Jorge Mendes, il potentissimo agente del 33enne di Madeira, con il quale i rapporti erano ottimi dopo il trasferimento al Milan di André Silva.

Cristiano Ronaldo
fonte foto https://www.facebook.com/bleacherreport/

Il “naufragio” di Mister Li

Il piano, come noto, è saltato ancora prima di iniziare il tentativo. I noti problemi di insolvenza di Yonghong Li hanno portato al cambio di proprietà con il Fondo Elliott. E così Cristiano Ronaldo è stato il colpo del secolo ma piazzato dalla Juventus.

L’opportunità del Pipita

L’approdo di Cristiano Ronaldo alla Juventus ha comunque portato più o meno direttamente un beneficio al Milan, “liberando” Gonzalo Higuain, chiuso al cinque volte Pallone d’oro.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

milan

ultimo aggiornamento: 21-08-2018


Moviola Serie A: protestano Torino e Inter. VAR subito bocciato

Milan, Strinic ‘libera’ Laxalt