Milan-Crotone, la conferenza stampa di Gattuso

5 paesi low cost dove rifarsi una vita

La conferenza stampa di Gennaro Gattuso alla vigilia di Milan-Crotone.

Queste le dichiarazioni del tecnico del Milan Gennaro Gattuso intervenuto in conferenza stampa alla vigilia della sfida di campionato contro il Crotone.

La conferenza stampa di Gattuso

Le prime dichiarazioni di Gattuso sono state incentrate su Milan-Crotone: “Per noi non ci sono partite abbordabili. Ci siamo preparati bene, sarà una gara dura. Non dobbiamo pensare ai bagagli e alle valige, dobbiamo pensare solo a fare i tre punti. Loro giocano bene, attaccano in tanti, portano tanti uomini in area. Hanno vinto solo una partita nelle ultime cinque, ma è una squadra viva che dobbiamo rispettare e noi dovremo giocare a ritmi elevati“.

Sul Milan e sulla classifica – In questo momento devo pensare a vincere qualche partita in più e migliorare la classifica, senza pensare a obiettivi e traguardi, andando avanti un passo alla volta. I ragazzi devono avere la consapevolezza che siamo solidi. La classifica non è bella però siamo in semifinale di Coppa Italia e ai sedicesimi di Europa League. Dobbiamo arrivare al meglio a queste partite, senza trascurare il campionato che è ancora lungo. Siamo in lotta per l’Europa League e finché la matematica non ci condanna dobbiamo credere anche alla Champions League“.

Gennaro Gattuso: “Mercato? Noi siamo a posto così”

Gennaro Gattuso ha poi parlato del mercato: “Non è una distrazione. La società sa che per me siamo a posto così. Io devono ottenere il massimo da questi giocatori. Un regalo? Il mio regalo è non perdere giocatori per strada per infortuni. Non so da dove sono usciti certi noni, non ne ho mai parlato con la dirigenza. Kessie è fondamentale per noi, se dovesse mancare in una partita possiamo giocare con il centrocampo a due e poi c’è anche Locatelli che può fare la mezzala“.

Promosso Calhanoglu – Titolare? Ci può stare. E’ in salute. In questo momento tutti si allenano con grande voglia, mi stanno mettendo in difficoltà. Kalinic ha lavorato anche quando poteva stare a casa per recuperare. Ce la sta mettendo tutto, ha grandi motivazioni. Cutrone ha grandissima voglia, si sa. Di André Silva si parla poco, sta attraversando delle difficoltà, ma anche a Firenze ha fatto vedere qualcosa. E’ vero che da lui ci aspettiamo di più, ma va detto che non ha avuto grandi occasioni per mettersi in mostra“.

Sugli impegni della squadra – Ai giocatori è stato dato un programma: tre giorni di riposo e tre giorni di lavoro. Spero che i ragazzi siano bravi a seguirlo per arrivare pronti alla ripresa e non soffrire i successivi carichi di lavoro. Giocare durante le feste credo sia stato positivo, è stato bello vedere tanta gente allo stadio. Per come lo abbiamo fatto noi è stato meno stressante rispetto alla Premier“.

Sulla difesa – Bisogna sempre migliorare la fase difensiva. In questo momento sto dando fiducia a Romagnoli e Bonucci, ma anche Musacchio ha giocato alcune volte con me. Quando si prende gol non è sempre colpa dei centrali, anche nel gol di Firenze c’è un errore di Bonucci ma sulla fascia il giocatore dei viola non è stato contrastato“.

Se ti è piaciuta la notizia, condividila sui social!

ultimo aggiornamento: 05-01-2018

Nicolò Olia