Milan, è asta con la Juve per Pellegri: il Genoa fissa il prezzo

Per il giovanissimo attaccante rossoblù, Preziosi chiede non meno di 40 milioni di euro.

chiudi

Caricamento Player...

S’infiamma il mercato intorno a Pietro Pellegri, baby gioiello del Genoa. Il talentino classe 2001, autore già di due gol in questo inizio di stagione, ha ormai attirato le attenzioni dei più importanti club italiani e non solo. Sia le due milanesi che la Juventus avrebbero iniziato a intrecciare rapporti con il suo entourage per cercare un accordo quantomeno verbale in vista della prossima sessione di mercato, ma per ora, come sottolineato da Calciomercato.com, nessuna è riuscita a spuntarla. E intanto il presidente Preziosi, abituato a una gestione oculata delle cessioni, ha fissato il prezzo minimo per l’asta che potrebbe scatenarsi: 40-45 milioni di euro.

Asta per Pellegri: il Genoa non accetterà proposte inferiori ai 40 milioni

Una cifra indecente, forse, per un giovanissimo. Per evitare di dover scavare così a fondo nel portafogli, il Milan sta cercando di muoversi in prima persona con la dirigenza del Grifone, oltre che con Beppe Riso, procuratore di Pellegri. Lo stesso Riso, d’altronde, nelle scorse settimane aveva ammesso di aver avuto un faccia a faccia per il proprio gioiellino già in estate con Mirabelli. Quest’oggi, poi, l’ad del Genoa ha difatti aperto a una trattativa: “Dobbiamo riscattare Lapadula a una cifra importante, e il Milan ha chiesto informazioni su Pellegri e Salcedo“. Senza aprirsi troppo, Zarbano ha fatto sostanzialmente intendere che il cartellino di Lapa potrebbe servire al Milan per far abbassare il prezzo dei due giovanissimi prospetti rossoblù. Ma se i rapporti tra Milan e Genoa sono strettissimi, non meno cordiali sono quelli che intercorrono tra la dirigenza del Grifone e la Juventus. Dare il Milan in pole è dunque per il momento azzardato. La sensazione è che l’asta per Pellegri sia ben lungi dall’arrivare a conclusione…