Milan e Inter, firmata intesa sullo stadio di proprietà

Milan e Inter, firmata intesa sullo stadio di proprietà

Milan e Inter, firmata l’intesa sullo stadio di proprietà. Al vaglio l’ipotesi  di approfondire l’opzione di riammodernamento dell’area di San Siro.

Si è conclusa con la firma dell’intesa tra Milan e Inter la questione stadio che ha visto protagoniste le due società nel corso degli ultimi mesi. I due club collaboreranno per la realizzazione di una struttura all’avanguardia. Tra le ipotesi al vaglio anche la ristrutturazione dello stadio Meazza, tempio del calcio milanese.

Milan e Inter, accordo sullo stadio: il comunicato ufficiale

Di seguito il comunicato ufficiale congiunto diramato dai due club:

A.C. Milan S.p.A. e F.C. Internazionale Milano S.p.A. comunicano di aver sottoscritto un protocollo d’intesa per sancire la volontà di lavorare assieme al progetto di realizzazione di uno stadio moderno e all’avanguardia. Un impianto adeguato agli standard attuali è fondamentale per permettere ai tifosi di godere di un’esperienza unica e per garantire successi dentro e fuori dal campo.

Le due società ritengono che uno stadio condiviso sia di primario interesse per tutti gli stakeholder da un punto di vista finanziario, amministrativo e tecnico. I due club stanno valutando una serie di opzioni possibili, inclusa la ristrutturazione dello stadio San Siro, e hanno riavviato le attività di analisi delle diverse alternative attraverso la ricostituzione del gruppo di lavoro congiunto.

I club ritengono di poter concludere questa prima fase esplorativa entro la fine del 2018, al fine di procedere rapidamente con le attività progettuali e amministrative richieste per consegnare ai propri tifosi uno stadio moderno nel minore tempo possibile. I due club, nella giornata di giovedì, si sono incontrati con il Sindaco, riaprendo un dialogo costruttivo e proficuo con la finalità di approfondire l’opzione di riammodernamento dell’area di San Siro”.

Milan stadio San Siro derby Milan-Inter Milan-Arsenal

Uefa, Ceferin: l’Italia deve lavorare sulle sue strutture

In occasione della sfida tra Inter e Barcellona, il presidente dell’UEFA Ceferin aveva criticato lo stadio Meazza definendolo di livello medio e sottolineando come l’Italia sia chiamata a migliorare le proprie strutture.

Al momento il modello da seguire resta quello della Juventus che con il suo Stadium ha avviato una nuova era del calcio italiano che, guardando al modello degli altri paesi europei, ha compreso l’importanza di una struttura di proprietà che rappresenta un grande vantaggio anche per quanto riguarda le finanze delle società.

ultimo aggiornamento: 09-11-2018

X