Milan, è morto Felice Riva: fu presidente dal ’63 al ’65

Il Biondino, simbolo dell’Italia del boom economico, guidò il Milan post Wembley, ereditando la grande squadra di Rizzoli.

Un pezzo della storia del Milan se n’è andato. A 82 anni è morto nell’ospedale Versilia di Lido di Camaiore, Felice Riva. Detto il Biondino per il colore dei propri capelli, fu presidente del Milan dal ’63 al ’65, oltre che uno dei protagonisti del miracolo economico del secondo dopoguerra. Come riportato dalla Gazzetta dello Sport, ereditò il Milan da Andrea Rizzoli, una squadra di campioni, da Rivera ad Altafini, e mantenne la carica fino al 1965, quando passò le redini alla famiglia Carraro. Alla base del passo indietro ci fu il fallimento dell’azienda di famiglia e i guai giudiziari per bancarotta fraudolenta.

Addio Felice Riva, il cordoglio del club

Attraverso un comunicato, il club rossonero ha omaggiato il proprio ex presidente con un messaggio di cordoglio: “È stato il primo presidente dopo Wembley, dopo la prima vittoria della Coppa dei Campioni da parte di una squadra italiana nel 1963 contro il Benfica. Successore dello storico Andrea Rizzoli, Felice Giulio Riva è stato il presidente degli anni in cui la sede rossonera era in via Sarbelloni, pieno centro di Milano. La memoria storica rossonera non dimentica l’ex presidente del Club e tutti i rossoneri si stringono al dolore della famiglia nel momento della sua scomparsa“.

ultimo aggiornamento: 27-06-2017

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures
X