Milan, nuova vita con Elliott: il bilancio dopo i primi 100 giorni

Domani la gestione del Fondo Elliott chiude i primi cento giorni alla guida del Milan. Il colosso americano ha azzerato i debiti del club rossonero e piazzato i primi colpi di mercato.

La “luna di miele” tra il Milan e il Elliott procede a gonfie vele. Domani, come riporta La Gazzetta dello Sport, si chiuderanno i primi cento giorni di gestione del fondo americano, ossia da quando il colosso di Paul Singer ha rilevato il club rossonero a causa dell’insolvenza di Yonghong Li.

Gordon Singer
Gordon e Paul Singer (fonte foto https://www.facebook.com/acmilanks/)

Spalle grosse e solide

L’azione di Elliott – sottolinea la Rosea – ha fato immediatamente riacquistare solidità e credibilità ai piani alti di via Aldo Rossi. Il Milan, escluso dall’Europa League, è stato riammesso nella manifestazione continentale. Poi, la nuova dirigenza: Scaroni presidente, Leonardo direttore generale e Maldini responsabile dell’area sport. Da dicembre anche Ivan Gazidis nelle vesti di amministratore delegato.

Conti in ordine

A fine settembre Elliott ha azzerato i debiti del club rossonero, annunciando un importante aumento di capitale. Una condizione invidiabile e unica, dato che qualunque top club europeo “vanta” esposizioni più o meno notevoli nei confronti degli operatori finanziari e creditizi. Una base solidissima per riportare il Milan ai fasti d’un tempo.

Mercato top

L’azione di Elliott, per mano di Leonardo, si è già fatta sentire anche sul mercato. In pochissimi tempo, il dirigente brasiliano è riuscito a portare a Milanello un attaccante di livello mondiale (Higuain) come non lo si ricordava dai tempi di Ibrahimovic. Per gennaio, poi, è stato prenotato Paquetà, astro nascente del calcio carioca.

ultimo aggiornamento: 16-10-2018

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures
X