Milan, Filippo Galli: “Mirabelli ha cambiato tutto. L’exploit di Cutrone? Merito di…”

Milan, Galli rivela: “In Primavera ci sono dei giocatori interessanti. Siamo contenti”

chiudi

Caricamento Player...

Il responsabile del settore giovanile del Milan, nonché ex-giocatore rossonero, Filippo Galli, ha parlato poco fa in conferenza stampa. Il dirigente rossonero ha parlato a tutto tondo, accompagnato dal neo-tecnico della Primavera Rino Gattuso, dell’ambiente del Vismara e degli obiettivi delle giovanili. “La rosa della Primavera è abbastanza ampia, 31 giocatori – ha iniziato Galli, interpellato sulle qualità tecniche della cantera del Diavolo -. Ci sono dei giocatori interessanti che possono ripetere in prospettiva il percorso di altri ragazzi. In quest’ultimo mercato è stata rinforzata con quattro ragazzi provenienti da fuori. E’ una rosa giovane, con qualche lacuna a livello numerico dal punto di vista difensivo. Siamo contenti come settore giovanile quando i ragazzi guadagnano qualche anno sul loro percorso di formazione”.

Poi aggiunge: “Le vittorie nel settore giovanile non ci interessano. Cutrone? Grande exploit”

“La vittoria fa parte del percorso di formazione di un ragazzo, ma la vittoria ad ogni costo non ci interessa. Ci interessa solo se arriva dopo un processo formativo di crescita – ha poi continuato Galli, parlando della valenza delle vittorie nel settore giovanile -. La Primavera viene vissuta più come una seconda squadra, la competizione sarà molto alta, mi auguro che questi ragazzi possano trovare del materiale su cui lavorare. Mi auguro che Gattuso riesca a motivarli e a fargli concludere al meglio questo percorso di formazione”. Su Patrick Cutrone: “Credo che nessuno se lo aspettasse in questo modo, lasciava intravedere enormi qualità, ha sempre avuto fame e voglia di imporsi, ma nessuno si aspettava fosse così prolifico e determinante. Complimenti a Patrick e a Montella per il lavoro che è riuscito a fare, perché il ragazzo è stato con la prima squadra dalla seconda parte della scorsa stagione”.

Galli: “Con l’arrivo di Massimiliano Mirabelli è cambiato tutto e questo è il mio bilancio…”

“E’ cambiato il modo di lavorare con l’arrivo di Mirabelli. La società ha deciso di cambiare la struttura scouting. C’è un responsabile scouting senior Under 20, un responsabile scouting dall’Under 19 all’Under 16, che lavorano soprattutto all’estero. Poi c’è una struttura scouting Under 15, che ha sotto di sé un coordinatore con quindici persone che lavorano nelle regioni italiane. Poi abbiamo la nostra struttura in Lombardia, dove c’è un responsabile, Angelo Carbone, per quanto concerne la Lombardia, per quanto riguarda l’Italia, Angelo Aiello” ha ammesso Galli. Infine, questo è stato il suo bilancio di questi ultimi anni“Non mi do nessun voto, siamo soddisfatti del metodo e dei ragazzi che sono arrivati in prima squadra. Stiamo sempre attenti alle persone che lavorano con i ragazzi. Quest’anno abbiamo chiesto un clima sereno, soprattutto con chi lavora con i più piccoli”.