Il 22 dicembre 2018 si gioca Milan-Fiorentina. L’ultimo precedente a San Siro viene deciso da un gol di Chiesa nella ripresa.

MILAN-FIORENTINA, L’ULTIMO PRECEDENTE

Nella stagione 2018/19 il Milan parte sotto la guida di mister Gattuso. Dopo aver mancato la qualificazione alla Champions League, nonostante un buon girone di ritorno, i rossoneri ripartono con rinnovo sparito.

Cambio di proprietà, resta Gattuso

In via Aldo Rossi si vive in ogni caso un’estate complessa: Yonghong Li non onora il prestito ricevuto da Elliott e così il fondo americano fa scattare la clausola che si traduce nell’acquisizione della proprietà del Milan. A livello dirigenziale Fassone e Mirabelli vengono rimossi e sostituiti da Leonardo e Maldini. La guida tecnica viene confermata.

Milan, mercato d’occasione

Sul mercato, il dirigente brasiliano riesce a piazzare il colpo Higuain nell’ambito di una maxi trattativa che riporta Bonucci in bianconero e Caldara in rossonero. A centrocampo il Milan si assicura il prestito di Bakayoko dal Chelsea.

Inizio lento, buon autunno

Dopo aver perso a Napoli e battuto la Roma, i rossoneri incappano in tre pareggi consecutivi. Solo in autunno il Milan vive una buona fase, portandosi a ridosso della zona Champions, perdendo solo contro Inter e Juventus.

Un dicembre negativo

L’ultimo mese dell’anno si apre con la vittoria sul Parma. Segna Cutrone (ultima rete fino al termine della stagione), Higuain è ormai entrato in una fase di grave involuzione. Nelle due gare successive, il Milan resta al palo: doppio 0 a 0 contro Torino e Bologna.

Green Pass obbligatorio, le regole dal 15 ottobre

https://www.youtube.com/watch?v=VU0sD_FJmJo

22 dicembre 2018, Milan-Fiorentina

Il 22 dicembre 2018, a San Siro, si gioca Milan-Fiorentina. Queste le formazioni in campo:
MILAN: Donnarumma, Abate, Zapata, Romagnoli, Rodriguez, Calabria, José Mauri, Calhanoglu, Suso, Higuain, Castillejo.
FIORENTINA: Lafont, Milenkovic, Pezzella, V. Hugo, Biraghi, Benassi, Veretout, Edimilson, Chiesa, Simeone, Mirallas.

Federico Chiesa
fonte foto https://www.facebook.com/FedericoChiesaOfficial/

Chiesa, tiro da tre punti

Il Milan è rimaneggiato per le assenze per squalifica di Kessié e Bakayoko: Gattuso torna al 4-3-3 con Calabria interno di centrocampo. Gli occhi sono puntati su Higuain, a secco da 7 partite prima di questa, ma il Pipita si vede raramente e non dà l’idea di essere al meglio. Le occasioni, in realtà, il Milan le avrebbe anche. E capitano quasi tutte a Calhanoglu: due tiri parati, uno respinto da Milenkovic a portiere battuto, uno sprecato in solitudine. Al conto va aggiunto un sinistro di Rodriguez dal limite, su cui Lafont interviene in tuffo. Neppure la Fiorentina, con Mirallas confermato in avanti, punge granché. Chiesa va spesso in accelerazione per conto suo, Simeone non ha molti palloni giocabili. Piuttosto scontato lo 0-0 all’intervallo.
Higuain ha un sussulto a inizio ripresa, dopo una chance per Mirallas e una per Suso: gira bene di testa, Lafont è ancora reattivo. Gattuso svolta verso il 4-4-2 con Calabria e Calhanoglu interni. La mossa, però, non paga. Ed è la Viola a trovare il varco giusto, al minuto 73: il guizzo di classe è firmato Federico Chiesa, che si salta secco Calabria e scarica un destro da fuori area su cui Donnarumma non può arrivare. Il Milan accusa il colpo, ha una sola vera chance per pareggiare con Rodriguez, ma Lafont disinnesca il suo colpo di testa. Milan-Fiorentina termina 0-1.

ultimo aggiornamento: 29-09-2019


LaLiga, termina a reti bianche il derby di Madrid

Milan-Fiorentina, match da brividi per i rossoneri. Oltre al gioco servono punti