Il Fondo Elliott pronto a una nuova rivoluzione in casa Milan. Ralf Rangnick assumerebbe il doppio ruolo di allenatore e manager.

Ralf Rangnick potrebbe essere l’uomo a cui il Fondo Elliott affiderebbe il rilancio del Milan. L’indiscrezione è di calciomercato.com.

Manager allenatore

Rangnick, tedesco di 61 anni, in Patria è considerato un genio. Dopo aver occupato negli anni le panchine di Stoccarda, Hannover, Schalke, Hoffenheim, dal 2013 ha preso in mano l’area sportiva delle due squadre-bibita possedute dalla potentissima multinazionale Red Bull: il Salisburgo in Austria e il Lipsia in Germania. Quest’ultima trascinandola negli anni dalla quarta divisione tedesca fino alla Champions League, tra il ruolo di coordinatore tecnico e allenatore.

https://www.youtube.com/watch?v=u7Csig7_fqw

L’uomo della Red Bull

Oggi Rangnick – si legge ancora su calciomercato.com, non è solo il capo dell’area sport, ma anche dello scouting e delle relazioni esterne di tutta la galassia Red Bull: dai New York Red Bulls, al neo acquisito Bragantino in Brasile, fino al Salisburgo e al Lipsia protagonisti in Champions. Tutte squadre che negli ultimi anni hanno avuto risultati oltre le aspettative, con budget però oltre la norma, visto l’azionista di riferimento. E tutte squadre per cui Ralf Rangnick oggi copre, con cura maniacale, la scelta di filosofia di gioco, giocatori da acquistare, da crescere internamente, strategie e comunicazione. 

Il nome nuovo per il Milan

Per quanto riguarda l’accostamento al Milan, è del tutto evidente che in seno alla dirigenza rossonera ci siano due anime: da un lato l’ad Gazidis, dall’altro il duo Maldini-Boban. L’idea di puntare su Rangnick per la prossima stagione avrebbe, condizionale d’obbligo, un impatto fortissimo sugli equilibri sia a Milanello che a Casa Milan.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
Lipsia milan Ralf Rangnick red bull

ultimo aggiornamento: 28-11-2019


Addio a Bruno Nicolè, il marcatore più giovane della nazionale italiana

Parma-Milan, i ducali rifilano quattro gol agli uomini di Zaccheroni