Milan-Juventus 0-2, Llorente e Tevez puniscono i rossoneri

Il 2 marzo 2014 Milan-Juventus segna la vittoria dei bianconeri che si avviano a vincere un altro scudetto. I rossoneri, almeno nel primo tempo, giocano alla pari e sfiorano la rete con Kakà.

chiudi

Caricamento Player...

Milan-Juventus si è conclusa con la vittoria dei bianconeri per 2 a 0 per effetto della doppietta di Higuain. I rossoneri hanno provato a contrastare la forza dei campioni d’Italia ma la qualità del fuoriclasse argentino ha punito la formazione di Montella, andata vicina al gol con Kalinic alla fine del primo tempo: il tiro del croato è stato deviato sulla traversa da Buffon.

Milan-Juventus, lo 0-2 del 2014

L’ultima volta che la sfida di San Siro ha visto la vittoria della Vecchia Signora con lo stesso punteggio risale al 2 marzo 2014. In quel campionato, i piemontesi di Conte si avviavano a vincere il terzo scudetto consecutivo mentre i rossoneri provavano a risalire la china dopo l’esonero di Allegri. Il sostituto del tecnico livornese, l’ex campione rossonero Seedorf, dà in effetti una scossa all’ambiente Milan: i risultati migliorano e si vede una idea di gioco. Al cospetto dei pluricampioni, l’olandese punta su Pazzini sostenuto da Taarabt, Kakà e Poli.

Maggiore qualità

La prima occasione è degli ospiti con Lichtsteiner che chiama Abbiati alla risposta. Poi sale in cattedra il Milan, assai pericoloso con Kakà: in una occasione, il tiro del brasiliano è salvato sulla linea da Bonucci! Al 42′, da un errore di disimpegno inizia una azione corale della Juventus che porta Llorente a mettere il pallone in rete. Nella ripresa ci prova Poli con un colpo di testa che finisce sul fondo. A metà del tempo, allora, Pirlo smarca Tevez che chiude il match con un potente destro che batte sulla parte bassa della traversa prima di insaccarsi in rete. A quel punto il Milan molla la presa e rischia anche il terzo gol.