Il rischio è concreto: il valore degli acquisti estivi potrebbe calare creando un danno economico al Milan. Ma c’è ancora tempo e spazio per rimettersi in carreggiata.

L’entusiasmo estivo è ormai un lontano ricordo, così come la curiosità di vedere all’opera una squadra nuova di zecca, piena di giovani talenti e irrobustita dall’arrivo di due pezzi da novanta come Lucas Biglia e Leonardo Bonucci. Quel Milan – ahinoi – non è mai sbocciato. È appassito subito, stroncando sul nascere sogni e speranze. E come se non bastasse già l’aspetto tecnico, c’è anche quello economico, altrettanto drammatico, a rendere ancora più complicato il futuro. Come evidenzia calciomercato.com, infatti, c’è il rischio (serissimo) che la rosa, dopo i milioni spesi in estate, possa svalutarsi.

Mercato Milan, a gennaio possibile colpo in mezzo al campo

Una perdita almeno del 30%. Soltanto Fabio Borini, costato in totale 6 milioni di euro, e Ricardo Rodríguez (18 milioni) sono in linea con il valore originale. Per capire meglio la situazione – osserva Cm.com – basta ricordare le cifre spese per strappare Bonucci (42 milioni) e Hakan Calhanoglu (22 milioni più bonus) a Juventus e Bayer Leverkusen. Tuttavia, ci sono ancora tante partite per raddrizzare una stagione, fin qui, disastrosa. Il Milan, tra l’altro, può contare su alcuni talenti che hanno già dimostrato, seppur a sprazzi, le loro qualità. Su tutti ci sono André Silva e Franck Kessié, senza dimenticare Patrick Cutrone, gioiellino fatto in casa che potrebbe fare la fortuna del club.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
Andrè Silva Bonucci calcio Calhanoglu copertina milan

ultimo aggiornamento: 05-12-2017


Il Benevento come la Cavese? Il Milan non ci sta: “Non è così”

Javier Mascherano via dal Barcellona