Milan: la strategia in campo non funziona, fuori si, l'equilibrio mancante
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Milan: la strategia in campo non funziona, fuori si, l’equilibrio mancante

Milan: la strategia in campo non funziona, fuori si, l’equilibrio mancante

La doppia faccia del Milan: modello di gestione efficace e risultati imprevedibili in campo, ecco l’analisi.

Il Milan si distingue come una delle squadre italiane più sostenibili in termini di gestione finanziaria. Investendo significativamente nel mercato senza dover vendere i propri giocatori, il club ha raggiunto un equilibrio tra spese e introiti derivanti da accordi commerciali, competizioni sportive e player trading. Questo approccio crea un modello d’affari virtuoso, destinato a garantire successo e autonomia finanziaria nel medio-lungo periodo.

Bonus 2024: tutte le agevolazioni

Tuttavia, la sostenibilità del Milan mostra delle crepe quando si passa dal business al terreno di gioco. L’approccio tattico della squadra, particolarmente uniforme e prevedibile, non sembra sostenibile, soprattutto alla luce del crescente numero di infortuni. Il Milan affronta ogni partita con la stessa strategia, indipendentemente dal tipo di avversario o dall’importanza dell’incontro, risultando in un gioco che può concludersi con qualsiasi esito: vittoria, pareggio o sconfitta.

Stefano Pioli
Stefano Pioli

Il modo di giocare del Milan: tra rischi e opportunità

La filosofia di gioco del Milan si basa su un calcio di duelli, dove ogni azione può essere decisiva. Questo approccio, come sottolineato da Calabria prima della sfida di Champions League contro il Dortmund, si traduce in un gioco basato su sfide individuali che possono portare a grandi vantaggi o a critiche esposizioni. Sebbene inizialmente l’allenatore Pioli non adottasse un approccio così estremo, con il tempo questa strategia è diventata più marcata, evidenziando pregi e difetti.

Infortuni e sostenibilità tattica: un problema crescente

La sostenibilità di questo stile di gioco è messa in dubbio dall’alto numero di infortuni, soprattutto muscolari, che hanno colpito la squadra. Con una rosa completamente a disposizione, questo modo di giocare potrebbe essere gestibile, ma con un elenco crescente di infortuni, l’approccio del Milan sembra perdere di senso e sicurezza. Le partite si trasformano in un susseguirsi di occasioni e errori, sia per il Milan sia per gli avversari, senza alcuna garanzia di risultato positivo.

Questa incertezza si riflette nelle recenti prestazioni del Milan, dove ogni partita è diventata imprevedibile, con risultati che oscillano tra vittorie strette, pareggi e sconfitte. In questo scenario, la sostenibilità del modello di gioco diventa un argomento di discussione prioritario, soprattutto considerando la necessità di una squadra come il Milan, attenta alla sostenibilità in ogni aspetto, di adottare strategie più efficaci e meno rischiose sul campo.

In conclusione, mentre il Milan rappresenta un esempio di sostenibilità nella gestione fuori dal campo, il suo approccio in partita necessita di un’urgente revisione per garantire risultati più consistenti e una maggiore salvaguardia della salute dei giocatori. Questa doppia faccia del Milan pone l’accento sulla necessità di un equilibrio tra sostenibilità finanziaria e sostenibilità tattica, per un futuro di successi sia in campo che fuori.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 1 Febbraio 2024 15:43

F1: per Sainz si spalancano le clamorose porte della Red Bull ma non solo

nl pixel