Tempi duri per Gattuso sulla panchina del Milan. Un suo ex compagno di squadra e nazionale, però, prova a tirarlo su con i suoi elogi

Nubi nere si addensano sul futuro di Gennaro Gattuso al Milan. Il pareggio contro il Frosinone ha allontanato ancora il quarto posto in classifica, distante adesso tre punti. Anche la Sampdoria ha scavalcato i rossoneri che, contro la Spal, si giocano la possibilità di arrivare in maniera più serena alla sosta invernale. A rischiare più di tutti, come purtroppo avviene in questi casi, è però il mister rossonero. Ci pensa l’ex compagno di squadra Nicola Legrottaglie a tessere le sue lodi, in una intervista rilasciata a Sky Sport.

Legrottaglie: “Gattuso, allenatore che cresce”

Avrei detto che sarebbe diventato un dirigente – ammette l’ex difensore di Juventus, Milan e Chievo tra le altre – come allenatore però è in crescita rispetto a quando l’ho visto allenare le prime volte. Si vede che sta acquistando grande conoscenza della materia, ha uno staff in gamba“.

Oggi l’allenatore non è da solo – ricorda Legrottaglie – deve essere bravo anche a scegliere le persone con cui lavorare. Il problema è che al Milan non ti danno tantissimo tempo, i risultati nel nostro mestiere la fanno da padroni“.

Gennaro Gattuso

Gattuso, con la Spal ti giochi tutto!

Vincere e convincere. Domenica prossima, contro una Spal in piena lotta per la salvezza, Gennaro Gattuso si gioca molte chance di rimanere ancora sulla panchina del Milan. La società potrebbe non aspettare oltre, profittando poi dello stop di venti giorni del campionato per operare il cambio di tecnico.

Le attenuanti, però, non mancano affatto. Il tecnico rossonero ha lavorato per mesi con una squadra messa in ginocchio dagli infortuni di giocatori cardine, soprattutto nella zona nevralgica del campo. Il mercato estivo, poi, si è rivelato del tutto insufficiente nel risolvere i problemi palesati già lo scorso anno.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
calcio gattuso Legrottaglie milan tecnico

ultimo aggiornamento: 27-12-2018


Inter-Napoli, morto un tifoso in seguito agli scontri tra tifoserie. Chi era Daniele Belardinelli

Inter-Napoli: i Top e i Flop nerazzurri