Milan, Mirabelli sul mercato: “Non vogliamo illudere nessuno, faremo pochi ritocchi”

Il direttore sportivo del Milan, Massimiliano Mirabelli, ha parlato delle strategie di mercato del club rossonero.

Massimiliano Mirabelli lo conferma: il mercato di quest’estate sarà molto differente rispetto a quello della scorsa per il Milan. D’altronde, era questa la sensazione che un po’ tutti avevano nell’ambiente rossonero in queste ultime settimane, sia per i problemi societari che per la possibile sanzione dell’Uefa.

Intervenuto al Festival del Milanismo, in Salento, il direttore sportivo ha rilasciato le seguenti dichiarazioni sul mercato, riportate da Tuttomercatoweb: “Il gruppo del Milan è fatto da giocatori giovani, la squadra più giovane d’Italia con alcuni esperti. Ripartiamo da questo zoccolo duro facendo un mercato attento e contenuto, nel rispetto delle regole, per cercare di migliorarci“.

Milan, Mirabelli sul mercato: “Giusto finisca prima

Il ds ha quindi parlato della chiusura anticipata della finestra di mercato: “Io l’anticiperei ancora. Il problema di avere un mercato aperto quando la palla è in gioco non è una cosa bella. Ti ritrovi a giocare con un giocatore che poi può cambiare squadra. Giusto che ci sia il mercato ridotto. Due mesi sono lunghi“.

Quindi, parole importanti per Cutrone: “Abbiamo tanti giovani importanti e italiani. Abbiamo soprattutto tantissimi nazionali. Molti di loro sono ancora giovani promesse, non sono ancora i campioni come ci sono da altre parti. Ma noi abbiamo cercato di condurre questa strategia per aprire un ciclo e i nostri giovani diventeranno campioni con il Milan“.

Milan, le strategie di Mirabelli per il mercato ‘low cost’

Come provare ad alzare l’asticella in Italia? Mirabelli dice la sua: “Non è che in Italia non ci siano soldi, solo che non sono ai livelli degli sceicchi. Si alza con il lavoro, con un mercato e strategie differenti. Le italiane devono competere con le squadre europee alla pari. Kessié? Noi incontriamo sempre gli agenti dei nostri calciatori per fare il punto della situazione. Con Kessié abbiamo sottoscritto un contratto di cinque anni, se dobbiamo dare qualche premio li chiamiamo noi come abbiamo fatto con Cutrone. Viene, firma e si fida senza leggere“.

Uno dei nuovi obiettivi per il Milan potrebbe essere il russo Čeryšev, sorpresa della prima gara dei Mondiali. Ma Mirabelli è laconico: “Non è il momento di fare nomi per illudere. Sappiamo che dobbiamo fare un mercato di rispetto delle regole. Non dobbiamo stravolgere quanto fatto lo scorso anno. Oggi dobbiamo fare i giusti ritocchi e vediamo di farlo con la consapevolezza di rispettare le regole. Il primo acquisto sarà Conti“.

Nel video gli highlights di Russia-Arabia Saudita, in cui Čeryšev si è messo in luce:

ultimo aggiornamento: 17-06-2018

X