Nikola Kalinic ancora un flop: colpa del croato o di Montella?

Bocciatura per Nikola Kalinic: il croato non brilla ma qualcosa non va nel gioco e negli ordini di Vincenzo Montella.

chiudi

Caricamento Player...

Nikola Kalinic, il Milan aspetta ancora… invano. Male ancora una volta l’attaccante croato che nella gara contro il Sassuolo sembra un corpo estraneo nell’undici rossonero. Disputa una partita di sacrificio – senza dubbio – ma è costantemente fuori dal gioco e mai pericoloso confermando non solo i problemi offensivi del Milan, ma anche il difficile rapporto di Vincenzo Montella con gli attaccanti. Il caso Bacca è esplicativo ma non è il solo: anche André Silva brilla lontano da Milano e fatica a mettere in pratica le direttive dell’allenatore.

Dalla Fiorentina al Milan… un altro Kalinic. Ma la squadra non aiuta…

Nikola Kalinic alla Fiorentina aveva fatto vedere sicuramente cose positive: giocava per la squadra, partecipava alla costruzione del gioco, si muoveva tra le linee, tutte cose che in rossonero non si sono ancora viste. Di certo l’attaccante croato non è cercato nel migliore dei modi: i lanci lunghi dalla trequarti campo difficilmente possono sorprendere una difesa schierata intorno a un’unica punti e di cross buoni dalle corsie esterne non se ne vedono.

Nikola Kalinic Montella Milan
Nikola Kalinic

Sassuolo-Milan, le pagelle bocciano Nikola Kalinic

Anche in occasione di Sassuolo-Milan le pagelle bocciano Kalinic. Nikola, come già accaduto troppe volte, porta a casa il riconoscimento di peggiore in campo. Viene servito poco ma sbaglia un colpo di testa da buttare dentro (bravo Consigli per carità…), fatica a trovare spazio tra i difensori nero-verdi e non è quasi mai fuori dalle marcature. Si muove poco e spesso nella direzione sbagliata, non riesce ad allungare la difesa, compito evidentemente assegnatogli da Montella e crea traffico al limite dei sedici metri complicando la vita anche a Suso, di gran lunga il migliore in campo. Per carità, nessuno gli chiede di giocare come Zlatan Ibrahimovic ma di giocare quello sì, è il minimo.