Milan, ora i lanci di Leonardo Bonucci sono un problema

Milan, i lanci di Leonardo Bonucci scavalcano anche la qualità del centrocampo rossonero: ancora poche idee di gioco per i ragazzi di Montella.

chiudi

Caricamento Player...

Nel momento di crisi peggiore dall’inizio della stagione ma possiamo dire anche della gestione Montella, le critiche puntano dritto sulla gestione errata della squadra o meglio sulla mancanza di gioco del Milan e sui troppi paradossi espressi in campo.

Mateo Musacchio Milan-Betis Siviglia
Mateo Musacchio

Tanti palleggiatori e troppi lanci lunghi

A lasciare perplessi, stando all’analisi condivisibile de La Gazzetta dello Sport, è il paradosso di una squdra di qualità che si affida ai lanci lunghi. In occasione della gara contro l’AEK Montella ha messo in campo l’argenteria pregiata, i giocatori di classe e qualità, baricentro basso e cervello fine. La domanda è cosa c’entrino i continui lanci lunghi da parte di Bonucci e Musacchio. Il 3-5-2 dovrebbe garantire ai rossoneri superiorità numerica nella zona mediana del campo, i palleggiatori dovrebbero garantire una rapida e precisa circolazione della sfera, tutte caratteristiche annullate dalla strategia di affidarsi ai lanci lunghi, specialità della casa di Leo che poco si adattano alla fisionomia di un Milan che fatica ad attaccare la profondità.