L’ex rossonero parla della sua vita attuale, ammettendo come ancora non abbia riflettuto in merito al suo ritorno nel mondo del calcio

Ricardo Izecson dos Santos Leite, per tutti Kakà, è un nome che fa venire i brividi a tutti i nostalgici del Milan del decennio 2000-2010. Un giocatore che in rossonero ha vinto tutto, lasciando un’impronta indelebile per classe e stile di gioco. Ritiratosi alla fine del 2017 dopo un’esperienza nel campionato americano con gli Orlando City SC, Kakà sta riorganizzando la sua vita in Brasile, senza ancora aver riflettuto su come sfruttare il suo nome e la sua grande esperienza calcistica. Il talento brasiliano classe 1982, pallone d’oro nel 2007, ne ha parlato a Tencent Sports, piattaforma cinese di digital sport media.

Kakà e il futuro: “Mi sto godendo il momento”

Sto bene, ho tempo per divertirmi, viaggiare, avere tempo per la mia famiglia, per la mia fidanzata. Qualche volta vado allo stadio – racconta Kakà – guardo le partite in tv, tifo per il San Paolo, il Milan, il Real Madrid, Orlando. Non ci sono problemi, critiche, mi sto godendo questo momento. Sto studiando in Brasile un programma per General Manager, non so quando tornerò nel mondo del calcio e in che posizione. In questo periodo sto facendo alcune cose con la mia famiglia“.

Un giorno probabilmente tornerò nel calcio. La decisione di smettere? Quando il mio contratto è finito con l’Orlando ho avuto tante offerte, ho detto a mio padre di aspettare un po’, ho chiesto 40 giorni. In questo periodo ho scelto di non giocare più e fare qualcosa di diverso, abbiamo rifiutato tutte le offerte perché il mio tempo sul campo era finito“.

Ricardo Kakà Milan

Milan: la carriera in rossonero di “Smoking bianco” Kakà

Nato il 22 aprile 1982 e cresciuto nel San Paolo, Kakà si trasferisce al Milan ad appena 21 anni, dopo essersi laureato campione del Mondo nel 2002, facendo da comparsa nel Brasile del trio Ronaldinho-Ronaldo-Rivaldo. In sette stagioni rossonere (2003-2009, poi 2013-2014), Kakà ha vinto quasi tutto: uno Scudetto, una Champions League, un Mondiale per Club, una Supercoppa Uefa e una Supercoppa Italiana.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
calcio dirigente futuro Kakà milan

ultimo aggiornamento: 21-02-2019


Milan: Nizza-Saint Maximin, si calmano le acque

Europa League, il Napoli supera 2-0 lo Zurigo. Tensione tra i tifosi prima del match