Milan, prende forma l'area tecnica: Moncada accanto a Maldini?

Milan, prende forma l’area tecnica: Moncada accanto a Maldini?

Gazidis, dopo l’addio di Leonardo, ha le idee chiare su come strutturare l’area tecnica. Chiavi a Maldini, sarà Moncada la sua spalla?

Il campionato è finito soltanto da tre giorni, ma al Milan si lavora alacremente per strutturare quell’organigramma che dovrà contribuire a fare la differenza nel corso della prossima stagione. Ieri è stato il giorno degli addii: Leonardo ha lasciato la guida dell’area tecnica del club di via Aldo Rossi, seguito a stretto giro di posta da Gattuso che ha dato addio alla panchina rossonera. L’amministratore delegato Gazidis ha ufficialmente chiesto a Maldini di raccogliere l’eredità del dirigente brasiliano: l’ex capitano sembra orientato a dire di sì. Accanto a lui, poi, va posizionata una fondamentale figura di raccordo: chi sarà il nuovo diesse del Diavolo?

Milan, prende quota l’idea di Moncada come direttore sportivo

Maldini si troverà davanti a un compito gravoso, quello cioè di impostare tutto il lavoro dirigenziale relativo alle scelte tecniche e di mercato. Un compito che necessita di una spalla, un collaboratore fidato, profondo conoscitore del calciomercato internazionale, che possa mettere in pratica le idee e le strategie studiate a tavolino.

Il nome preferito da Gazidis sarebbe quello di Geoffrey Moncada, al momento responsabile dell’area scout del Milan. Si tratterebbe, nel suo caso, di una promozione in prima squadra. La scelta del nuovo ds verrà resa nota all’inizio della prossima settimana, nel momento in cui Maldini renderà pubbliche e ufficiali le sue scelte.

Ivan Gazidis Ignazio Abate Luis Campos
fonte foto https://twitter.com/theamedpost

Milan, chi è Geoffrey Moncada? Un suo veloce ritratto

Moncada, 31 anni, è un talent scout sui generis, come ci ricorda Sky Sport. “Geoffrey Moncada non usa i social e ha 31 anni, dal primo dicembre è diventato il nuovo capo scout del Milan dopo 6 stagioni al Monaco. Un investimento per il futuro. Non dare nell’occhio, non concedere interviste, agire nell’ombra con il suo pc, parlare poco e fare tanto. Di più. Un modus operandi che l’ha portato a diventare capo scout del Monaco a soli 29 anni. Un predestinato. Specialità? Videoanalyst, anche questo è scritto su Linkedin“.

ultimo aggiornamento: 29-05-2019

X