L’ex tecnico rossonero: “Un ritorno di Ancelotti al Milan? Lo vedrei bene ovunque, anche in Nazionale“.

Che Sarri ammiri Sacchi e che quest’ultimo contraccambi non è ormai più un segreto. I due tecnici, in un certo senso maestro e discepolo, non perdono occasione per elogiarsi pubblicamente. Anche oggi l’ex rossonero, intervistato a ‘La Politica nel Pallone’, ha raccontato: “Prima parlai con Galliani, poi insieme con Berlusconi. Gli dissi: ‘Se prendi Sarri, dopo venticinque anni dimostri di essere sempre avanti, come facesti con me’. Fu indeciso, poi si pentì. Berlusconi è sempre stato avanti, pensando in grande. Gli consigliai anche Dybala, un grandissimo e intelligentissimo calciatore. Non scrivo e non parlo mai del Milan, altrimenti oggi scriverei cose non positive. Stimo l’allenatore, anche se non ricordo un grande club che compra undici giocatori nuovi per la stagione“.

Sacchi: “Ancelotti va bene ovunque

L’ex tecnico rossonero ha quindi parlato di Carlo Ancelotti, in settimana esonerato dal Bayern e già accostato al Milan: “Sono dispiaciuto prima di tutto per il Bayern, che si è dimostrato una società come le altre, mentre pensavo fosse diverso. Carlo ha fatto grandissime cose, ha vinto dappertutto e le sue squadre giocano un calcio positivo. Un difetto? Tutti i grandi allenatori hanno sempre inciso sulla formazione della rosa. A Carlo, dopo Guardiola, dissi di cambiare dei giocatori, ma dovunque va accetta chi c’è. Un suo ritorno al Milan? Lo vedrei bene ovunque, anche in Nazionale“.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
Arrigo Sacchi calcio Carlo Ancelotti ivm Maurizio Sarri milan

ultimo aggiornamento: 02-10-2017


Costacurta sul Milan: “Non si può discutere un allenatore alla settima giornata…”

Milan, terminato il vertice Montella-dirigenza: i dettagli