Milan schiacciato, al Marassi finisce 2-0 e Montella viene già criticato!

Una grande Sampdoria, trionfa con merito sui rossoneri: critiche a Montella…

chiudi

Caricamento Player...

Sconfitta pesante al Marassi per i rossoneri, schiacciati da una Sampdoria più cattiva e organizzata in tutto l’arco della partita. Mai pericolosa in zona Puggioni e poco determinata in fase di possesso, la squadra è crollata nel secondo tempo con il doppio schiaffo firmato da Zapata e Alvarez, senza riuscire in nessuna fase a dettare gioco e fermare gli assalti blucerchiati. Dunque un’altra sconfitta pesante dopo quella dell’Olimpico in casa Milan, questa volta la situazione preoccupa di più dirigenza e tifosi, insoddisfatti del lavoro di Montella. I cambi sono arrivati tardi, la difesa è apparsa lenta e spesso in difficoltà, centrocampo e attacco difficilmente hanno trovato intesa rendendosi pericolosi. Un passo indietro, che testimonia come denaro non significhi vittoria assicurata nel mondo del pallone. Ci sarà da compiere un duro lavoro per trovare l’assetto migliore in vista dell’Europa e delle partite decisive con le dirette concorrenti alla Champions.

Le pagelle:

Donnarumma 6: Incolpevole sulle reti subite, cerca di comandare la difesa con scarsi risultati.

Zapata 4,5: Salva un gol fatto su Zapata ma poi ne regala uno, allo stesso attaccante, nel secondo tempo. Nel finale scivola concedendo il raddoppio alla Sampdoria.

Bonucci 5: Nervoso e polemico, cerca di garantire sicurezza al reparto difensivo. Il risultato non è dei migliori.

Romagnoli 5,5: Non commette grosse sbavature ma spesso è in difficoltà sui ripetuti attacchi degli avversari.

Abate 5: Quasi mai presente in zona offensiva, non aiuta i compagni nei raddoppi e spesso perde l’uomo in marcatura. (dal 82’ Borini: sv)

Kessie 4: Lento e impreciso a palla al piede. Spesso fuori posizione, sbaglia tutti i passaggi della partita. Dove è finito il giocatore che abbiamo ammirato a inizio stagione?

Biglia 6: Prova a dare la scossa alla manovra rossonera, riconquista palloni e imposta cercando di inventare.

Bonaventura 5: La sua tecnica non è sufficiente, prevedibile e mai concretamente pericoloso in zona gol. (dal 78’ Cutrone: sv)

Rodriguez 5,5: Impreciso con la palla tra i piedi, non salta mai l’uomo e spesso conclude in porta con tiri affrettati e di basso livello stilistico.

Suso 5: Non trova la posizione giusta in campo e si limita a qualche accelerazione con la palla tra i piedi. Troppo poco. Insufficiente. (dal 79’ Calhanoglu: sv)

Kalinic 5: Solo lì davanti, la palla la tocca davvero raramente. Combatte e fa a sportellate in area di rigore. Qualche buona sponda per i compagni riesce a farla, ma non è mai pericoloso in nessuna situazione.

Montella 4,5: Il suo Milan è spento e disorganizzato in fase di impostazione. Vincere le partite senza mai calciare in porta e creare occasioni è complicato. I cambi arrivano tardi e non danno vivacità.