L’agente di Ibrahimovic, Mino Raiola, ha parlato del futuro del suo assistito. Il procuratore non si è sbilanciato ma ha dato un’indicazione significativa.

L’apertura del mercato è alle porte ma Zlatan Ibrahimovic è già il più ambito. Peraltro, l’asso scandinavo sarebbe già tesserabile, in quanto svincolato, grazie al fatto che proviene dalla Major League Soccer.

Le parole di Mino Raiola

Tema caldo, quello del futuro di Ibrahimovic, che coinvolge naturalmente l’agente Mino Raiola. “Come andrà a finire? Non mi sbilancio, vedremo quello che accadrà. Di certo, se tornasse, la Serie A aumenterebbe l’appeal, sia a livello tecnico che televisivo. Quanti Paesi accenderebbero la tv ogni week-end… Il ritiro? Non escludo nulla, ma è molto difficile. Zlatan sta ancora benissimo“.

Zlatan Ibrahimovic
Fonte foto: https://www.facebook.com/ZlatanIbrahimovic

Ibrahimovic e l’Italia

Il 38enne di Malmo è ambito da Milan, Bologna e Napoli. “Quale delle tre squadre sceglierà? Chissà, noi siamo uomini liberi. Al contrario, attenzione a un possibile inserimento di qualche club dall’estero. Perché no? Non è detto che debba per forza scegliere l’Italia“. Ha continuato Raiola.
Tuttavia, è noto il feeling speciale che Ibrahimovic ha con il Belpaese, in particolare con Milano, città rimasta nel cuore della moglie Helena e dei figli Vincent e Maximilian.

La battuta finale…

E se dipendesse da Raiola? “Dove mi piacerebbe vederlo? Lontano da me, così la smetterà di stressarmi!“. Così ha chiuso il potente procuratore olandese, con una risata…

Il Milan lo attende

Nel frattempo, in casa rossonera sperano che la volontà di Ibrahimovic si traduca nel ritorno al Milan. Anche Pioli ha alluso, in conferenza stampa: “Leao, è un attaccante di movimento, non di area“. Come dire, per giocare con due punte ci vuole Ibra…

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
Ibrahimovic mercato milan Raiola sport

ultimo aggiornamento: 08-12-2019


Milan, per la panchina rispunta Paulo Sousa

Juventus, Bentancur: distrazione del legamento. Il centrocampista uruguaiano fermo almeno 10 giorni