Milan: si avvicina il rientro di Biglia. Come fargli spazio?

Milan: si avvicina il rientro di Biglia. Come fargli spazio?

Il calvario del centrocampista argentino sembra giunto a conclusione. Gattuso, adesso, avrà addirittura problemi di abbondanza

La prima convocazione, ottenuta ieri contro il Cagliari, è stata come la fine di un incubo. Lucas Biglia, metronomo acquistato dal Milan nell’estate del 2017, ha dovuto spesso combattere con gli infortuni nel corso di questo anno e mezzo trascorso in rossonero. L’infortunio al polpaccio di inizio novembre e la successiva operazione lo hanno tagliato fuori fino alla scorsa settimana: la volontà del nazionale albiceleste è ovviamente quella di riprendere il suo posto in mezzo al campo. Snaturare gli equilibri trovati da Gattuso negli ultimi tre mesi, però, non sarà affatto facile.

Milan: chi verrà sacrificato per far posto a Biglia?

Fermo restando che l’inserimento del mediano sudamericano non sarà immediato, è ovvio che Biglia rappresenta per Gattuso una importantissima variante a livello tattico. L’interrogativo, adesso, è capire chi sarà il rimpiazzato. Sembra quasi impossibile che sia Bakayoko: il francese è una colonna insostituibile per forza fisica e abilità tattiche.

Il sacrificato potrebbe essere il non brillantissimo Kessie di quest’ultimo periodo. Con Biglia di nuovo al centro e Bakayoko dirottato nella inedita posizione di mezzala. Ci sarebbe, però, un’altra affascinante variante tattica che il mister rossonero ha la possibilità di adottare.

Lucas Biglia mercato Milan modulo 4-3-3
Lucas Biglia

Milan: se fosse Calhanoglu il sacrificato?

Calhanoglu, per Gattuso, è un quasi intoccabile. Le prestazioni del turco non sono state eccellenti, ma finora ha sempre trovato posto nell’undici titolare. Il rientro di Biglia potrebbe cambiare le carte in tavola. L’idea sarebbe quella di costruire un centrocampo tutto muscoli e difesa con l’argentino, Bakayoko e Kessie.

Calhanoglu verrebbe quindi sacrificato, con Paquetà spostato da mezzala a esterno alto a sinsistra, a comporre un tridente di tecnica, potenza e fantasia con Piatek e Suso. L’abbondanza, sconosciuta da Gattuso fino a qualche settimana fa, rischia di far piombare il tecnico in piacevoli dilemmi tattici.

ultimo aggiornamento: 11-02-2019

X