Si alza il sipario: Milan, gli stipendi del 2018: Bonucci e Donnarumma fanno il vuoto alle loro spalle.

Messo alle spalle il mercato, è ora tempo di analizzare le rose delle nostre squadre di Serie A alla ricerca di statistiche, numeri e curiosità. Uno dei primi focus, centro della curiosità di ogni tifoso, ammettiamolo, è la classifica dei compensi. Insomma… chi è il più pagato della squadra? E guadagna?In casa Milan gli stipendi 2018 riservano sorprese sia per quanto riguarda le prime posizioni sia per quanto riguarda le ultime, dove a sorpresa tra i meno pagati troviamo giocatori che si stanno rivelando fondamentali.

Mercato, gli stipendi del 2018: Bonucci sul gradino più alto del podio, Patrick Cutrone chiude la lista

Il più pagato, e non è una sorpresa, è Leonardo Bonucci, al Milan da questa estate grazie a un’operazione fulminea e impeccabile e grazie anche ai 7,5 milioni di euro a stagione che di certo avranno contribuito a sciogliere le ultime riserve. Al secondo posto, dopo una delle peggiori estati della sua vita troviamo Gianluigi Donnarumma: gli attriti con la tifoseria sembrano ormai alle spalle nonostante Mino Raiola di tanto in tanto provi e gettare un po’ di benzina sul fuoco, i 6 milioni a stagione invece fanno parte del presente e non del passato.

Gianluigi donnarumma raiola
GIANLUIGI DONNARUMMA

Tra i primi due e i terzi (a parimerito) c’è un abisso: Lucas Biglia e Nikola Kalinic, anche loro figli dell’ultima campagna acquisti rossonera, sono fermi a 3,5 milioni di euro a stagione. Un peccato non trovare, eccezion fatta per Donnarumma ma sappiamo come è andata, giocatori storici e validi del Milan di ieri che hanno lottato in campo per questo presente come ad esempio Giacomo Bonaventura, Suso, che però a breve firmerà il rinnovo andando a scalare posizioni in classifica. Ultimo posto per Patrick Cutrone che porta a casa 180.000 euro a stagione. Ancora per poco…

TAG:
milan

ultimo aggiornamento: 07-09-2017


Serie A TIM, Lazio-Milan: Bonaventura c’è, Conti no

Lazio-Milan, niente stravolgimenti per Montella: via ai ballottaggi