Milan, Suso chiede scusa: “Non siamo stati all’altezza, il resto conta poco”

Il fantasista spagnolo del Milan, Suso, chiede scusa ai tifosi: “Adesso serve restare uniti per i prossimi 180 minuti“.

La deludente prestazione di ieri sera nella finale di Coppa Italia ha scosso, e in parte depresso, l’ambiente Milan. A ventiquattr’ore di distanza sul suo profilo Instagram ha rotto il silenzio il fantasista spagnolo Suso, che ha voluto chiedere scusa ai tifosi.

Questo quanto si legge sul suo post: “Stare in silenzio sarebbe forse la cosa più giusta, ma non sarebbe rispettoso nei confronti di chi ci ha seguito ieri a Roma, di chi tifa per noi, di chi lavora come noi, e di chi ieri sera ha sofferto, esattamente come abbiamo sofferto e stiamo soffrendo noi. Non siamo stati bravi, non siamo stati all’altezza, il resto conta poco. Adesso per 180 minuti servirà essere Milan. Tutti insieme“.

Milan, Suso chiede scusa ai tifosi

Un bel messaggio e un bel gesto da parte di Suso, imitato da alcuni suoi compagni, come Calhanoglu, in serata. Tra le parole dello spagnolo va sottolineata la richiesta di unità per questi ultimi, fondamentali, 180 minuti di campionato. Contro Atalanta e Fiorentina il Milan si gioca quel che resta dell’amara stagione 2017/18. E da perdere c’è ancora molto.

I due scontri diretti infatti potranno decidere da quale punto il Milan potrà iniziare l’Europa League, e la differenza tra sesto e settimo posto è abissale: con il primo i rossoneri sarebbero già ai gironi, con il secondo dovrebbero affrontare tre turni preliminari e quindi iniziare a giocare già nel pieno dell’estate, con conseguenze allarmanti per il prosieguo dell’anno.

Insomma, il momento dei processi arriverà, ma è ancora lontano. Per altri dieci giorni i rossoneri dovranno cercare la concentrazione massima. La Coppa Italia è ormai alle spalle. È già tempo di guardare al futuro.

Suso
Fonte foto: https://www.facebook.com/pg/ACMilan

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures

ultimo aggiornamento: 10-05-2018

Mauro Abbate

X