Con la coppia Suso-Deulofeu in campo dall’inizio, dopo il ko contro la Sampdoria, il Milan ha ottenuto cinque vittorie e due pareggi. Anche oggi contro l’Empoli Montella si affiderà al duo spagnolo per volare a +5 sull’Inter

Al termine della stagione la coppia potrebbe separarsi ma per il momento il duo Suso-Deulofeu garantisce al Milan un livello di offensività fatto di creatività, imprevedibilità e uno contro uno.

Fattore in più

Come scrive La Gazzetta Sportiva oggi in edicola, con i due spagnoli contemporaneamente in campo dall’inizio, per gli uomini di Montella sono quasi sempre note liete: Suso-Deulofeu titolari hanno pagato dazio la prima volta in Milan-Sampdoria (0-1, rigore di Muriel, ndr) lo scorso 5 febbraio; poi, da quel momento, ci sono state altre sette occasioni nelle quali i rossoneri hanno totalizzato 17 punti, frutto di cinque vittorie e due pareggi, l’ultimo dei quali nel derby. Contro l’Inter, fra l’altro, nei minuti dell’arrembaggio finale, i due spagnoli hanno giocato più vicini, dato che sulla sinistra Montella aveva impiegato Ocampos dalla panchina. Così, Deulofeu si è accentrato, fraseggiando in maniera più continua e concreta con Suso, il quale ha fornito l’assist a Romagnoli e battuto il corner da cui è scaturito il pari di Zapata.

I numeri

La coppia Suso-Deulofeu, riporta ancora la Rosea, mette assieme, in media: 1.9 tiri, 5.6 cross, 5.3 dribbling, 3.7 occasioni create e 10.5 palloni recuperati a partita. L’ex Liverpool è specialista nei cross, mentre l’ex Everton effettua più dribbling e recuperi della sfera. A livello complessivo, Suso ha totalizzato al momento 7 gol e 9 assist mentre Deulofeu è a quota 2 gol e 3 assist. Anche oggi pomeriggio, alle 15 contro l’Empoli, l’Aeroplanino punterà sulla coppia Suso-Deulofeu per superare i toscani: dopo il ko dell’Inter a Firenze, infatti, i tre punti significherebbero mettere un +5 sui nerazzurri e quindi avere un piede e mezzo nella prossima edizione di Europa League.

milan

ultimo aggiornamento: 23-04-2017


Roma, rinnovo di De Rossi non decolla: il Milan resta in agguato e muove le sue pedine

Il pm Guariniello: “Doping Juve? Il reato esiste, era prescritto ma esiste”