Milan-Torino, il 2-0 con il gol di Gullit di ginocchio…

5 paesi low cost dove rifarsi una vita

Nel campionato 1991/92 il Milan torna a dominare in Italia, vincendo lo scudetto. Alla 13/a giornata, i rossoneri battono il Torino, sorpresa del torneo, grazie alle reti di Gullit e Massaro.

Domenica pomeriggio, alle 15 a San Siro, gli uomini di Montella affronteranno il Torino dell’ex Mihajlovic, in una gara da non fallire dopo l’ulteriore sconfitta patita sul campo del Napoli. Per il Diavolo ci vorrebbe una performance come quella dell’8 dicembre 1991.

Il Diavolo “incorna” il Toro

Il primo Milan di Capello, nella stagione 1991/92, può concentrarsi solamente sul campionato, in virtù della squalifica dalle coppe europee decretata dalla Uefa in seguito ai famosi fatti di Marsiglia. E così, Baresi e compagni imprimono da subito un ritmo sostenuto. I rossoneri non perdono mai e prendono la testa della classifica, alternando vittorie (tante) e pareggi. Dopo l’1-1 nel derby, arriva a San Siro il Torino di Mondonico. Tra i granata brilla la stella del giovane Lentini, futuro rossonero; la formazione piemontese sarà l’autentica rivelazione della stagione, con il 3° posto finale e la sconfitta in finale di Coppa Uefa contro l’Ajax.

Gullit in grande spolvero

Capello, contro il Torino, schiera questa formazione: Rossi, Tassotti, Maldini, Albertini, Costacurta, Baresi, Evani, Ancelotti, Van Basten, Gullit e Massaro. Mondonico risponde con Bresciani sostenuto da una batteria di talenti come Lentini, Scifo e Martin Vazquez. Le due squadre giocano a viso aperto ma è il Milan a mettere le cose in chiaro al 18′ con un gol di Gullit davvero incredibile: cross dalla sinistra di Evani, l’olandese va in elevazione e colpisce il pallone di ginocchio! Un tiro potente che non lascia scampo al portiere avversario e che decreta immediatamente lo strapotere dei rossoneri. Nella ripresa, appena rientrati dagli spogliatoi, il Milan chiude la pratica Torino con il raddoppio firmato da Massaro, abile a mettere in rete con un colpo di testa.

 

Se ti è piaciuta la notizia, condividila sui social!

ultimo aggiornamento: 24-11-2017

Fabio Acri