Milan, Trevisani su Gattuso: "Non può essere bocciato per un solo punto"

Milan, Trevisani su Gattuso: “Non può essere bocciato per un solo punto”

Riccardo Trevisani, giornalista di Sky Sport, difende l’operato di Gattuso affermando come abbia svolto un buon lavoro, nonostante la sfiducia

Non è mai facile lavorare in un clima in cui critica e sfiducia predominano, condannandoti al primo errore. Il giornalista di Sky Sport Riccardo Trevisani ha tenuto a sottolineare questo concetto, parlando delle imminenti dimissioni di Gennaro Gattuso. Il suo addio alla panchina del Milan verrà ufficializzato con molta probabilità nella tarda mattinata di oggi ed è frutto della netta divergenza di vedute tra il tecnico calabrese e l’amministratore delegato della società Ivan Gazidis. La società è chiaramente libera di compiere le proprie scelte ma, sottolinea Trevisani, la bravura di Gattuso in questo campionato è stata indubbia.

Trevisani: “Gattuso molto bravo, nonostante la sfiducia”

Gattuso è stato molto bravo. C’è sempre stato un clima di sfiducia. Gattuso aveva in mano una squadra non così forte – puntualizza Trevisani su Sky Sport – magari era superiore all’Atalanta, ma non alla Roma. Doveva arrivare quinto ed è arrivato quinto, poi con un pareggio o una vittoria in più sarebbe andato in Champions League“.

Credo che in estate ci sarà una rivoluzione al Milan, ma non credo che si possa bocciare il lavoro dell’allenatore. L’unica pecca della stagione è stato il percorso in Europa League. Il Milan ha avuto diverse difficoltà, Gattuso non può essere bocciato per un solo punto“.

Christophe Galtier Champions Leonardo Ivan Gazidis Paolo Maldini Milan
Fonte foto: https://www.facebook.com/ACMilan

Milan, oggi sarà giornata di dimissioni collettive

Salvo clamorosi cambi di programma, oggi in casa Milan ci saranno due addii pesanti. Quelli del direttore tecnico Leonardo e dell’allenatore Gennaro Gattuso. La situazione di Paolo Maldini è ancora in bilico: al momento, però, sembra complicato che l’ex numero 3 rossonero possa continuare a lavorare dopo le dimissioni di Leonardo, uomo che lo aveva fortemente voluto con sé. Il Milan del prossimo anno, dunque, sarà frutto di una profonda rivoluzione a livello tecnico e dirigenziale.

ultimo aggiornamento: 28-05-2019

X