Milan-Uefa, si tratta: niente Europa con pareggio di bilancio un anno dopo?

La Gazzetta sottolinea come gli avvocati del Milan si siano recati di fronte ai giudici di Nyon per cercare una mediazione con l’Uefa. Ecco gli scenari

I legali del Milan, stando a quanto raccolto dalla Gazzetta dello Sport nel pomeriggio di oggi, sono al lavoro per cercare una mediazione con l’Uefa. Si parla della sanzione prevista per la violazione del Fair Play Finanziario, in relazione al periodo 2015-2018. Si tratta di una strategia che potrebbe letteralmente stravolgere il risultato conquistato quest’anno sul campo. E’ bene ricordare, per completezza d’informazione, che il Milan aveva già subito una sanzione relativa al triennio 2014-2017. L’Uefa aveva escluso il club dalle Coppe. Dopo il ricorso al Tas, però, il Diavolo era stato riammesso in Europa, con rosa limitata e conti in regola entro il giugno del 2021.

Milan: no all’Europa League, con più tempo per risanare i bilanci

L’obiettivo sarebbe quello di convincere i Giudici della Camera Giudicante di Nyon a condannare immediatamente il club rossonero, annullando di fatto il precedente ricorso al Tas. L’eventuale condanna consisterebbe nell’esclusione dalle coppe europee per un anno, a patto però che l’Uefa conceda al club di via Aldo Rossi una dilazione di 12 mesi per rientrare entro i 30 milioni di saldo negativo di bilancio.

La volontà del club è evidente. Ai rossoneri, più che disputare una Europa League che non interessa molto (soprattutto con la prospettiva di accumulare nuove delusioni dopo quella dello scorso anno), preme riuscire ad avere più tempo per sanare le casse della società e, magari, far mercato più serenamente quest’estate.

Gaston Pereiro Boban Casa Milan Costacurta Giocondo Martorelli
Fonte foto: https://www.facebook.com/GianlucaDiMarzio/

Milan fuori dall’Europa: ecco cosa cambia per la Serie A

Nel caso in cui venisse confermata l’indiscrezione della Gazzetta, il Milan sarebbe escluso dalle Coppe. Il suo posto verrebbe preso dalla Roma che, quindi, entrerebbe di diritto nella fase a gironi dell’Europa League. Il Torino, giunto settimo in campionato, avrebbe invece la possibilità di partecipare alla fase preliminare che andrebbe in scena quest’estate.

ultimo aggiornamento: 18-06-2019

X