La Corte di Appello di Milano, con una sentenza che farà discutere, ha ridotto la condanna a un uomo che aveva sequestrato, picchiato e violentato la sua ex convivente.

MILANO – I giudici della Corte di Appello hanno deciso di ridurre la pena di condanna nei confronti di un 63enne romeno, il quale in primo grado era stato condannato a 5 anni di reclusione per aver sequestrato, picchiato e violentato la sua ex convivente.

Pena ridotta dalla Corte di Appello

I giudici hanno limato la condanna – irrorata in primo grado dal Tribunale di Monza – che scende a 4 anni e 4 mesi. Per quanto esigua, la riduzione della pena farà discutere per le motivazioni.

Giudici di Milano: “Donna troppo disinvolta”

Nella sentenza si legge che l’azione è avvenuta in “un contesto familiare degradato” e “caratterizzato da anomalie quali le relazioni della donna con altri uomini“. Pertanto, l’intensità del dolo dei reati è attenuata dal fatto che l’uomo “era esasperato dalla condotta troppo disinvolta della donna“.

Tribunale
Tribunale

Violenza e stupro a Vimercate

I fatti risalgono al 2019. Poco prima della mezzanotte dell’8 giugno a Vimercate (Monza) il 63enne imputato romeno, insultando e inveendo contro la 43enne connazionale convivente alla quale “imputava tradimenti con uomini conosciuti su Facebook”, la minaccia di morte, le punta un coltello al viso, le strappa di mano e getta il telefonino a terra, la percuote con un tavolino di legno, la prende a pugni al viso e all’occhio sinistro mentre lei urla “ti prego fermati“, la schiaffeggia a mano aperta, le assesta altri pugni al mento e alla schiena “così forti da farle mancare il fiato“, la trascina per i capelli e la getta sul letto. Lei lo implora di lasciarla andare, lui le risponde “di qua non esci viva“, lei lo supplica di non violentarla ma lui la aggredisce, imponendole atti sessuali.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
Corte di Appello cronaca nera milano pena ridotta per stupro Vimercate

ultimo aggiornamento: 19-09-2020


Cos’è il Certificato di verginità

Omicidio Colleferro, chiesto il sequestro dei beni degli accusati della morte di Willy