Il sindaco di Milano, Beppe Sala, ha annunciato che dal 2023 le caldaie a gasolio saranno bandite. La misura dovrebbe riguardare 1.500 condomini.

MILANO – E’ emergenza inquinamento nel capoluogo lombardo e Beppe Sala, primo cittadino, mette nel mirino alcune sistemi di riscaldamento vetusti.

Sala contro la caldaie a gasolio

Il sindaco di Milano ha infatti dichiarato che le caldaie a gasolio saranno fuorilegge dall’inverno del 2023: “Ci saranno tre anni di tempo per intervenire e voglio precisare che la misura riguarderà il privato e il pubblico. C’è uno zoccolo duro di circa 1.500 condomini che non cambiano le caldaie a gasolio. Per cui di fatto è necessario intervenire con una regolamentazione“.
Mi sembra – ha continuato Sala – che sia qualcosa di totalmente accertato da tutte le analisi il fatto che inquinano. Io non voglio solo regolamentare ma anche supportare per cui chiamerò già da settimana prossima gli amministratori condominiali per capire cosa si può fare, risentirò il governo per capire se i finanziamenti possono essere diversi, rifletterò a livello di giunta per capire se possiamo fare di più, ma questo è uno degli elementi fortemente inquinanti“.

Gli edifici pubblici

Il sindaco ha poi chiarito che il comune di Milano ha ancora “non molte caldaie a gasolio, alcune decine che appartengono perlopiù a scuole e edilizia pubblica. Ho fatto fare una verifica e lo possiamo fare: affretteremo alcuni percorsi, ma è chiaro che se non diamo l’esempio noi, poi ha ragione chi non farà una cosa così. Ma noi lo faremo“.

Beppe Sala
Fonte foto: https://www.facebook.com/beppesalasindaco/

Smog, il blocco totale delle auto

Nel frattempo, per contrastare l’emergenza smog il sindaco Sala ha ordinato il blocco totale delle auto a Milano nella giornata di domenica 2 febbraio 2020. Nessuno ‘sconto’ con tutte le macchine che dovranno stare ferme e i cittadini pronti ad utilizzare biciclette, mezzi pubblici, vetture elettriche per muoversi nel capoluogo lombardo. I dettagli di questa misura saranno svelati nelle prossime ore per capire meglio gli orari dello stop. Possibile il fermo delle auto dalle 10 alle 18 ma il Comune si è riservato del tempo per provare a leggere i nuovi livelli dello smog dopo la pioggia di questi ultimi giorni.


Stadio della Roma, archiviata la posizione di Virginia Raggi

Virus cinese, quarantena di 14 giorni per gli italiani di ritorno da Wuhan