L’uomo di origine peruviana guidava in stato di ebrezza e stava controllando il cellulare. Il pm: “Resti in carcere”.

MILANO – È stato confermato l’arresto dal pm Sara Arduini del peruviano di 34 anni che ieri mattina al volante di un van ha tamponato una Mini Cooper d’epoca uccidendo un avvocato Luca Andrea Latella di 31 anni. Secondo le ultime indiscrezioni l’uomo non solo guidava ubriaco ma si era anche distratto guardando il cellulare.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

L’incidente è avvenuto ieri mattina. Il giovane avvocato ha perso la vita sul colpo

L’incidente è avvenuto ieri mattina poco prima delle nove nel centro di Milano. Il peruviano mentre guidava un Mercedes van da nove posti si è schiantato ad alta velocità contro la Mini Cooper d’epoca ferma al semaforo rosso mentre attendeva che scattasse il verde. Non c’è stato niente da fare per il giovane avvocato di 31 anni che è morto sul colpo per le gravi feriti riportato nell’urto. Il peruviano – risultato immediatamente positivo all’alcol test (1.5 il tasso rilevato) – è stato prima curato all’ospedale Niguarda di Milano e subito dopo al carcere di San Vittore dove si trova ancora oggi dopo la richiesta della custodia cautelare da parte del pm visto che potrebbe ripetere ancora una volta l’atto che ha portato alla morte del giovane avvocato.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 12-08-2017


Maltempo al Nord, un disperso e tre feriti in Veneto

Lloret de Mar, ventiduenne italiano ucciso in discoteca: arrestati tre russi